Fiavet, la delegazione regionale plaude al piano di rilancio del turismo della Basilicata

Fiavet, la delegazione regionale plaude al piano di rilancio del turismo della Basilicata
27 Aprile 11:07 2021 Stampa questo articolo

Soddisfazione di Fiavet Campania e Basilicata per il piano di rilancio della filiera turistica approntato da Apt e Regione Basilicata. Le azioni presentate dall’assessore regionale al Turismo, Franco Cupparo, dalla dirigente del dipartimento Politiche di Sviluppo e Lavoro, Giuseppina Lovecchio, e dal direttore dell’Apt, Antonio Nicoletti, hanno convinto gli operatori locali e le associazioni di categoria.

«Finalmente – ha commentato Michele Martulli, vice presidente Fiavet Campania e Basilicata –  è stata delineata la nuova strategia turistica della Basilicata attraverso misure concrete che favoriranno il rilancio del settore, tenendo conto degli enormi cambiamenti che il turismo ha subito durante questa emergenza sanitaria. Da tempo si sollecitava un piano strategico del marketing turistico per valorizzare e promuovere il territorio. Siamo doppiamente soddisfatti sia perché il direttore Nicoletti ha annunciato che l’Apt sta lavorando al piano strategico del marketing turistico e anche perché si avvale della consulenza di Giancarlo Dall’Ara, uno dei massimi esperti di turismo internazionale».

Michele Martulli ha poi lanciato un appello a seguire l’esempio del Comune di Potenza, dove la delegata Fiavet Campania e Basilicata, Lea Ruberti, con grande soddisfazione ha accolto il piano strategico per il rilancio della città. «Anche il Comune di Matera provveda al più presto. Siamo fermi alle belle intenzioni espresse del sindaco nel corso della riunione dell’11 aprile scorso, ma ad oggi ancora nessuna azione concreta è stata intrapresa nonostante la stagione turistica, a seguito delle prossime aperture stabilite dal governo nazionale, sta finalmente per ripartire. Attendiamo con fiducia – conclude Martulli – che il Comune si attivi senza ulteriori indugi e si dedichi in modo quotidiano al turismo».

L'Autore