Fiavet, Jelinic verso la pace con i “dissidenti”

Fiavet, Jelinic verso la pace con i “dissidenti”
05 febbraio 14:08 2019 Stampa questo articolo

Prove tecniche di riappacificazione. Nei giorni scorsi il presidente di Fiavet Nazionale, Ivana Jelinic, si è incontrata con i vertici di Fiavet Lazio. Coloro i quali, mentre era in corso a Zagabria il Consiglio nazionale della federazione, si erano riuniti a Bologna insieme alle regionali di Emilia Romagna, Lombardia e Campania. Un gruppo compatto che aveva disertato il summit del 20 gennaio nella capitale croata, ribadendo così un palese dissenso rispetto all’attuale vertice nazionale.

Per Jelinic, quello con Fiavet Lazio «è stato un incontro franco e molto costruttivo, dove ho ribadito la volontà di ascoltare tutte le voci del territorio e confrontarci sui vari temi che riguardano la vita associativa. Non c’è mai stata, da parte mia, alcuna chiusura. Adesso vorrei tanto che si uscisse dalla “campagna elettorale” per condividere un percorso a favore della federazione, nell’interesse di tutti i nostri associati».

Dello stesso tenore il commento del presidente di Fiavet Lazio, Ernesto Mazzi, presente all’incontro: «È un primo passo positivo verso un chiarimento che tocca vari ambiti della federazione. Mi auguro che ci sia la volontà di unire la categoria, ascoltando le istanze di tutti».

Le parti in causa non hanno escluso un nuovo incontro proprio in occasione della Bit di Milano, dove quasi sicuramente saranno presenti anche i vertici delle altre regionali “dissidenti”. Un confronto su alcuni temi caldi, come la situazione finanziaria della federazione e le azioni future a tutela della categoria. Al momento si condivide solo l’auspicio di un definitivo chiarimento che ponga la parola fine a una vicenda interna che rischia di generare una dannosa impasse a tutta l’attività di Fiavet.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli