Escarrer e l’allarme prezzi: «Crollo delle tariffe in Spagna»

Escarrer e l’allarme prezzi: «Crollo delle tariffe in Spagna»
11 aprile 07:00 2019 Stampa questo articolo

La concorrenza dei Paesi del Nordafrica, Egitto in primis, preme sull’estate 2019 e la Spagna cova i timori di un impatto negativo. A lanciare l’allarme è stato Gabriel Escarrer, amministratore delegato di Meliá e presidente di Exceltur, sottolineando il crollo del booking per Baleari e Canarie rispetto sia al 2017 che al 2018. Evidenziando, inoltre, che molte vendite saranno concretizzate solo all’ultimo momento.

Una soluzione, secondo Escarrer, potrebbe essere il lancio di offerte: «Se vogliamo raggiungere i risultati di occupazione degli ultimi due anni, dobbiamo sacrificare il prezzo – ha detto l’ad di Meliá al quotidiano El Mundo – Più si andrà sotto data, tanto i prezzi dovranno scendere, ma solo sulle mete che soffrono, isole in testa».

Gabriel Escarrer, poi, si mostra assai critico con il governo delle Baleari in merito all’ecotassa. Due i motivi: il primo è quello relativo al mantenimento della tassa nonostante ci si trovi in un momento in cui il numero di turisti è in calo; il secondo, invece, è relativo al fatto che «oltre il 50% del denaro generato da questo tipo di imposta è destinato ad altri temi che non hanno nulla a che fare con il turismo», specifica il presidente di Exceltur.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore