Emirates attiva l’imbarco biometrico per i voli verso gli Usa

Emirates attiva l’imbarco biometrico per i voli verso gli Usa
23 Settembre 15:13 2019 Stampa questo articolo

La compagnia aerea Emirates annuncia l’introduzione dell’imbarco biometrico sui voli per gli Usa. Il vettore emirato è la prima compagnia al di fuori dell’America a ricevere l’approvazione per l’imbarco biometrico dall’U.S. Customs Border Protection.

I clienti che volano da Dubai verso una delle 12 destinazioni di Emirates negli Stati Uniti , quindi, presto saranno in grado di scegliere ai gates la tecnologia di riconoscimento facciale, riducendo il tempo impiegato per i controlli di identità a due secondi o anche meno. Non è richiesta alcuna registrazione preventiva e i clienti possono anche scegliere di non utilizzare la tecnologia. Emirates, come sottolinea la nota del vettore, non memorizza alcun record biometrico dei propri clienti.

La tecnologia è già stata sperimentata ai gates dei voli Emirates da Dubai diretti a New York e Los Angeles durante i periodi di punta di luglio e agosto. La compagnia aerea prevede di rendere disponibile l’imbarco biometrico per tutte le sue destinazioni negli Stati Uniti entro la fine dell’anno.

Abdulla Al Hashimi, vicepresidente di Emirates Group Security ha dichiarato: «La sicurezza e la protezione rimarranno sempre la nostra priorità numero uno, poiché Emirates continua a esplorare e investire in soluzioni innovative per viaggi senza problemi che aiutano i nostri clienti a volare meglio. Il nostro obiettivo finale è aiutare i nostri passeggeri a viaggiare ‘senza carta’, senza la necessità di passaporti e documenti di identità. L’imbarco biometrico rappresenta un ulteriore passo verso l’ottimizzazione dei processi presso il nostro hub utilizzando la tecnologia digitale, facendo risparmiare tempo ai nostri clienti e offrendo loro tranquillità. Stiamo parlando con le autorità di diversi paesi per rendere il riconoscimento facciale una tecnologia accettabile e accessibile».

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore