Disneyland Paris, Glatron: «Così abbiamo battuto la Tour Eiffel»

Disneyland Paris, Glatron: «Così abbiamo battuto la Tour Eiffel»
21 Marzo 07:00 2017 Stampa questo articolo

Non sarà presente in Bit, ma il 3 aprile, con un evento esclusivo per gli agenti di viaggi, Disneyland Paris festeggerà a Milano il suo 25° compleanno. Top secret, per ora, i particolari di quella che sarà certo un gran festa per spegnere candeline più magiche che mai: un quarto di secolo di successo a Marne-la-Vallée, 32 chilometri da Parigi, di quel mondo tentatore e affascinante che il fondatore Walt Disney creò inseguendo il sogno di «genitori e figli che si divertissero insieme».

Disneyland rimane il primo e più famoso dei parchi a tema nel mondo, con il debutto a Shanghai che, a 6 mesi dall’apertura, ha registrato risultati di gran lunga superiori alle aspettative.

In Europa è sbarcato nella primavera del 1992, per diventarne l’odierna prima meta turistica. La Convenzione tra Disneyland Paris e le autorità e il governo francese, firmata nel marzo 1987, è stata prolungata fino al 2026: l’auspicio è di riuscire a ingrandire l’area di intrattenimento da due a tre parchi. E perché no, proporsi anche come sede per ospitare l’eventuale Expo 2025, a cui Parigi vorrebbe candidarsi.

Ne parliamo con Laure Glatron, direttrice marketing e vendite Southern Europe, referente per il mercato italiano di Disneyland Paris.

Anno davvero speciale il 2017?

«Disneyland Paris ha aperto i battenti il 12 aprile del 1992 e festeggeremo al meglio, con diverse novità e per un anno intero. Ma dal momento che celebriamo 25 anni dall’inaugurazione, mi permetta di condividere alcuni dati di questa magica avventura. Ad esempio, che ci sono stati oltre 320 milioni di visitatori dall’apertura, di cui 44% dalla Francia e 56% da Paesi stranieri (Gran Bretagna 28%, Olanda e Spagna 13%, Germania 12%, Belgio e Lussemburgo 11%; Italia 6%). Una media di 14 milioni l’anno, superiori, anche nel 2016, a quelli del Louvre e della Tour Eiffel. E con il 52% dei visitatori stranieri che combinano la visita nel nostro parco divertimenti  con la città di Parigi. Al centro delle nostre strategie a livello europeo c’è il tema dei trasporti, un punto chiave di Disneyland Paris, soprattutto per il mercato italiano, dove l’84% dei visitatori sceglie il trasporto aereo. Perciò, oltre alla storica collaborazione con Air France e easyJet, ne abbiamo recentemente avviato una anche con Alitalia e Vueling. Fare in modo che Disneyland Paris sia facilmente accessibile è una delle nostre priorità, consentendo anche di acquistare tutti i servizi di pernottamento, biglietto di ingresso e trasporto in un’unica transazione».

È cambiata negli anni la percezione della destinazione?

«La qualità Disney è uno dei nostri maggiori punti di forza, poiché garantiamo sempre la migliore esperienza possibile. Gli investimenti a lungo termine nei Parchi e negli hotel Disney, grazie alle ultime novità sia dei contenuti Disney che delle strutture di accoglienza, hanno già dato risultati positivi rispetto al grado di soddisfazione dei visitatori e all’aumento della spesa. Nel 2016, il Gruppo ha continuato a concentrarsi sull’esperienza dei visitatori, che amano incontrare dal vivo i personaggi e partecipare a eventi. Tra questi c’è il rinnovo dell’appuntamento dello spettacolo Frozen sing-along Show al Parco Disneyland e il lancio del nuovo show Topolino e il Mago al Parco Walt Disney Studios, che ha recentemente ricevuto il premio IAAPA Brass Ring Award per la miglior produzione teatrale, nella categoria spettacoli».

Quali sono le novità di quest’anno?

«I visitatori del parco Disneyland potranno salire a bordo di Star Tours: l’Avventura continua, nuova attrazione in 3D per viaggiare alla scoperta dell’universo di Star Wars con gli eroi della saga. E potranno anche diventare i piloti di Star Wars Hyperspace Mountain. Poi c’è l’appuntamento con Topolino presenta: “Buon Compleanno Disneyland Paris” con la  grande festa con tutti i suoi amici ogni giorno dell’anno, davanti al Castello della Bella Addormentata nel Bosco, dove si tiene anche il magnifico ballo Il Valzer delle Principesse sotto le stelle. E di sera, Disney Illuminations: altra grande novità con fuochi d’artificio e incredibili effetti speciali per animare le storie dei grandi classici Disney, come La Sirenetta, La Bella e La Bestia, I Pirati dei Caraibi».

Qual è il trend del mercato italiano?

«Gli italiani rappresentano uno dei nostri mercati principali, sia in termini economici che sul piano occupazionale, al secondo posto dopo la Francia. Proviene dal vostro Paese il 33% dei Cast Member europei non francesi, con oltre 900 dipendenti, età media 33 anni, periodo medio di permanenza 7 anni. I visitatori italiani possono dunque essere certi di sentirsi “a casa” nella nostra magica destinazione. Sul piano economico, l’andamento del primo semestre 2017 è incoraggiante: la domanda e l’interesse per la destinazione sono in continuo aumento, a conferma che gli italiani amano Disneyland Paris e che il 25° anniversario è un importante motore economico. C’è uno stretto rapporto tra il nostro brand e i consumatori italiani: amano il mondo Disney, sia quello classico dei personaggi come Topolino, Paperino e Cip & Ciop, sia quello più moderno con le nuove eroine Elsa e Anna, Vajana o i protagonisti di Toy Story e Star Wars. Da nostre ricerche interne sappiamo che gli italiani visitano Disneyland Paris per incontrare i personaggi, e tornare bambini tutti insieme, vivendo momenti indelebili con tutta la famiglia. Questa è la vera magia. Positivi anche i risultati della recente promozione per il mercato italiano, chiusa il 28 febbraio:  gli agenti di viaggi confermano che le formule di mezza pensione sono molto apprezzate».  

Quali azioni di marketing porterete avanti quest’anno per il trade?

«Le agenzie di viaggi sono da sempre partner importanti per Disneyland Paris, e infatti continueremo a investire sia nella formazione degli agenti, per trasformarli in veri Ambasciatori, sia nello sviluppo di strumenti di vendita per promuovere la destinazione. Abbiamo da poco avviato corsi di formazione dedicati al 25° anniversario presentando i nuovi contenuti dei Parchi Disney e le offerte speciali pensate espressamente per il mercato italiano. I corsi si svolgono a Milano fino ad aprile e per parteciparvi gli agenti di viaggi devono compilare un semplice modulo di registrazione. Tra le novità c’è anche la Magic Box, un originale kit per aiutare gli agenti di viaggi a promuovere Disneyland Paris come la destinazione ideale per celebrare occasioni speciali con la propria famiglia (compleanni, comunioni, anniversari). L’approccio è molto simile a quello della luna di miele, quando sono amici e parenti a regalare la vacanza. I kit saranno presto disponibili in numerose agenzie. Inoltre, per rafforzare la connessione con tutti gli agenti, sempre più presenti sui social media, abbiamo creato un gruppo Facebook chiuso (Disneyland Paris – agenti di viaggio Italia) dedicato esclusivamente a loro, grazie al quale possiamo condividere i contenuti, i dettagli delle offerte speciali e anche i materiali promozionali come foto e video. Queste attività, lanciate per il 25° anniversario, sono sempre integrate con le iniziative dei nostri partner commerciali (Alpitour, Albatravel, Mamberto e Olympia Viaggi), come roadshow, webinar e le più tradizionali campagne di email marketing». 

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Adriana De Santis
Adriana De Santis

Guarda altri articoli