Tavolo Mibact su direttiva Ue e fondi di garanzia

Tavolo Mibact su direttiva Ue e fondi di garanzia
23 giugno 15:43 2017 Stampa questo articolo

Un percorso condiviso tra pubblico e privato per il recepimento della direttiva Ue sui pacchetti turistici e nessun organismo di vigilanza precostituito o creato ex novo per i fondi di garanzia. Saranno, infatti, le Regioni a controllare la sostenibilità dei vari fondi privati, mentre il Mibact monitorerà il funzionamento del meccanismo che assicura risarcimenti e rimborsi.

Sono queste le linee guida tracciate nelle prime due riunioni del tavolo tecnico convocato dal ministero in questi giorni: la prima, il 19 giugno scorso, ha coinvolto tutte le associazioni di categoria; mentre la seconda che si è svolto proprio in queste ore ha visto impegnate le Regioni.

Il direttore Turismo del Mibact, Francesco Palumbo, ha spiegato a L’Agenzia di Viaggi Magazine: «Abbiamo avviato il percorso che ci è stato assegnato con il Piano strategico e che passa per la condivisione di azioni riconosciute da tutti. Entro la prossima settimana chiuderemo il primo giro di consultazioni con le rappresentanze dei consumatori. È nostra intenzione rispettare i tempi previsti, da un lato per il recepimento della direttiva Ue sui pacchetti turistici, dall’altro per l’applicazione dei fondi di garanzia privati. Al momento c’è piena concordanza di intenti e mi auguro che questo ci consenta di rispettare le scadenze di fine anno».

Flavia Franceschini, direttore generale di Astoi, si è limitata a commentare lo spirito collaborativo: «Istituito il tavolo tecnico, ci è stato chiesto di lavorare all’aggiornamento sull’andamento dei fondi di garanzia e sulla road map per il recepimento della direttiva Ue con contributi concreti. Abbiamo espresso le nostre posizioni; a metà luglio ci sarà un’altra riunione del tavolo tecnico per finalizzare tutto».

L’auspicio di tutti è che si arrivi davvero in tempo alle scadenze dettate da Bruxelles e che la vigilanza sui fondi di garanzia dia quel sigillo di tutela per le parti in causa, dai tour operator al cliente finale.

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli