Destination Italia si aggiudica Gartour in via definitiva

Destination Italia si aggiudica Gartour in via definitiva
02 Agosto 16:13 2019 Stampa questo articolo

Destination Italia si aggiudica Gartour a titolo definitivo. Dopo che negli ultimi due anni e mezzo la società guidata da Marco Ficarra aveva condotto in affitto l’operatore fondato da Paolo Dello Strologo, adesso è arrivato dunque il momento della formalizzazione ufficiale dell’acquisto del ramo d’azienda.

Come si ricorderà, Destination Italia aveva iniziato la conduzione in affitto a partire dal febbraio 2017, dopo che la situazione dell’operatore romano era precipitata fino ad arrivare alla richiesta di concordato, omologato poi nel 2018.

Alla fine dello scorso anno era stato poi avviato un piano di ristrutturazione che, tra le altre cose, era costato il posto di lavoro a una ventina di persone (sui 124 assunti con il ramo d’azienda Gartour), poi finite in cassa integrazione. Adesso invece, si apre una nuova pagina. “L’acquisto definitivo del ramo d’azienda è una conferma del buon andamento della nuova gestione e dell’impegno dei soci nello sviluppo di questa iniziativa di valore”, si legge in una nota diramata da Destination Italia.

«Abbiamo creduto dall’inizio che fosse la scelta giusta per sviluppare il progetto Destination Italia e anche se il percorso si è dimostrato più lungo, e in parte più complesso, di quanto avessimo ipotizzato, abbiamo continuato a credere nel progetto e a investire per svilupparlo», ha commentato Fabio Cannavale, co-founder e ceo del Gruppo lastminute.com, socio di maggioranza di Destination Italia.

Nicola Gasperini, Destination Italia«Da alcuni mesi abbiamo avviato l’esecuzione di un importante piano di sviluppo, incluso l’inserimento di nuove figure manageriali, di cui si sta iniziando a vedere i frutti», dice Nicola Gasperini, amministratore unico di Destination 2 Italia Srl.

La formalizzazione dell’acquisto del ramo d’azienda, prevista nelle prossime settimane, giunge a due mesi dalla deadline del prossimo 30 settembre, giorno in cui l’affitto in corso, già rinnovato due volte per consentire i tempi di omologa del concordato e di svolgimento dell’asta, sarebbe terminato.

L'Autore

Giorgio Maggi
Giorgio Maggi

Guarda altri articoli