Dalla sicurezza al Visa Program: ricetta-Dow per il turismo Usa

23 giugno 12:46 2016 Stampa questo articolo

“Stay open, stay connected” è il mantra di questa 48ª edizione dell’Ipw, l’International Pow Wow che ha radunato a New Orleans oltre 6mila delegati, impegnati in qualcosa come 100mila appuntamenti. A lanciarlo non poteva che essere Roger Dow, presidente e ceo di U.S.Travel Association, riferendosi alla necessità di adottare misure volte a salvaguardare l’industria turistica statunitense – che, ricordiamolo, vale 133 miliardi di dollari e un milione di posti di lavoro – da minacce reali come il terrorismo o il virus Zika, senza però isolare il paese dal resto del mondo. Al contrario, gli Usa devono rimanere aperti e connessi, adottando o potenziando misure che garantiscano la sicurezza.

Mission di U.S.Travel Association, che quest’anno celebra i 75° anniversario dalla fondazione, è anche svolgere attività di lobbying per favorire il turismo attraverso strumenti legislativi. Come il Visa Waiver Program, prezioso programma di sicurezza nazionale e di grande importanza economica, tramite il quale nel 2015 è arrivato il 52% di visitatori internazionali, messo in discussione dall’Europa dopo i recenti attacchi terroristici avvenuti a Parigi e a Bruxelles. Per il presidente di U.S.Travel Association non solo va preservato, ma piuttosto potenziato, rendendo più efficienti e veloci i processi d’ingresso e diminuendo i tempi di attesa negli aeroporti. Come? Espandendo il Global Entry Program che consente ai viaggiatori che hanno effettuato un pre-screening di accedere a corsie preferenziali all’arrivo. Un’altra possibilità sarebbe l’istituzione di punti di CBP Pre-clearance che consentano di espletare le pratiche doganali in aeroporti stranieri con servizi diretti verso gli Usa.

Altra priorità di U.S.Travel Association è il miglioramento delle infrastrutture, strade, ferrovie, aeroporti, che consentano al paese di rimanere connesso. Rientra in quest’ottica la recente approvazione della prima Long-term Highway Bill in un decennio, che permette ai leader dell’industria turistica di partecipare alle decisioni riguardanti i grandi progetti di trasporto terrestre. In termini di connessione ovviamente grande importanza ricoprono anche gli aeroporti, i collegamenti aerei e gli accordi Open Skies con altre nazioni, fondamentali per raggiungere l’obiettivo di 100 milioni di turisti internazionali entro il 2021.

www.ipw.com

  Categorie

L'Autore

Maria Grazia Casella
Maria Grazia Casella

Guarda altri articoli