Crociere, l’anno del mare con 25 nuove navi

Crociere, l’anno del mare con 25 nuove navi
08 Febbraio 07:00 2019 Stampa questo articolo

Un record annunciato dalle proiezioni Clia di fine anno: 30 milioni di crocieristi nel mondo nel corso del 2019; il trend è in crescita anche in Italia. Numeri che vanno oltre le previsioni ottimistiche degli anni scorsi. E c’è un altro primato storico dietro l’angolo: 25 nuove unità in consegna, cifra mai raggiunta finora nel corso di un anno solare: sono 11 le navi da crociera che superano – in alcuni casi di molto – le 40mila tonnellate di stazza lorda (tsl), con un incremento di oltre 42mila letti bassi contro i 34mila del 2018; a queste poi si aggiungono anche 14 piccole unità passeggeri del ramo expedition.

Il 22 gennaio scorso Tui Cruises ha preso in consegna Mein Schiff 2 (111mila tonnellate), costruita da Meyer Turku. Febbraio è il mese di Viking Jupiter (47mila tsl) sesta nave della classe Odin commissionata da Viking Ocean Cruises, in arrivo da Fincantieri.

Alla corsa verso il traguardo per le grandi navi contribuisce in misura determinante l’Italia, con Costa Crociere e Msc Crociere, che prendono in consegna due navi ciascuna. Si parte il 1° marzo con il battesimo di Costa Venezia a Trieste (135mila tsl di stazza), realizzata da Fincantieri espressamente per il mercato cinese; il 2 marzo a Southampton arriva Msc Bellissima (171mila tsl) costruita da Stx France (Chantiers de l’Atlantique), i cantieri navali di Saint Nazaire oggetto dell’operazione di acquisizione di Fincantieri, ora messa in stand by dall’Ue dopo il ricorso dell’antitrust francese e tedesca. Gli altri due battesimi in autunno, a distanza di pochi giorni: il 3 novembre a Savona arriva Costa Smeralda che, con circa 183mila tonnellate di stazza e una capacità di 5.224 passeggeri, sarà la nave più grande a prendere servizio nell’anno solare oltre a essere alimentata con il gnl (gas naturale liquefatto) in navigazione, nuova frontiera per la riduzione dell’impatto ambientale. È Amburgo invece il porto del debutto il 9 novembre di Msc Grandiosa (181mila tsl), della classe Meraviglia plus.

Le due compagnie trainano anche l’incremento di letti bassi – Msc con 9.388 posti letto in più, Costa con +9.120 – e presentano piani industriali che promettono altri record negli anni a venire. La crescita delle due flotte indica un’attenzione crescente del turismo mondiale e dei crocieristi verso il Mediterraneo, con l’Italia in posizione centrale in virtù dei suoi principali porti d’imbarco e di scalo (si prevedono quest’anno +750mila passeggeri movimentati).

Altre grandi cruiseship che debuttano sono: Spectrum of the Seas (170mila tonnellate) diretta in Cina, per Royal Caribbean International; Spirit of Discovery (58mila tsl), prima costruzione del marchio extralusso per solo adulti Saga Cruises; entrambe sono realizzate da Meyer Werft. A ottobre tre consegne di navi da crociera dedicate al mercato caraibico: Sky Princess (143mila tsl, varo tecnico il 14 febbraio) per Princess Cruises e Carnival Panorama (133mila tsl) per Carnival Cruise Line, costruite da Fincantieri; Norwegian Encore (169mila tsl) di Norwegian Cruise Line costruita da Meyer Werft.

Tra le navi da crociera di dimensioni minori, arrivano Hanseatic Nature e Hanseatic Inspiration per Hapag-Lloyd Cruises; Coral Adventurer per Coral Expeditions; World Explorer per Mystic Cruises; Scenic Eclipse per Scenic; Celebrity Fiora per Celebrity Cruises; Hondius per Oceanwide Expeditions; Le Bouganville e Le Dumont D’Urville per Ponant; Roald Amundsen per Hurtigruten; Greg Mortimer per Aurora Expeditions/SunStone; Magellan Explorer per Antarctica21; Azora per Ritz-Carlton Yacht Collection e Flying Clipper per Star Clippers.

SUPERLAVORO PER FINCANTIERI. Sono 9 le navi firmate Fincantieri. «Gli accordi raggiunti nell’ultimo periodo sono il suggello del lavoro svolto e del ruolo acquisito sul mercato. Siamo capaci di penetrare e mantenere il presidio in ogni nicchia, anche le più competitive – ha detto il ceo Giuseppe Bono – I progetti che sviluppiamo dimostrano l’abilità di mettere a frutto innovazione e diversificazione del prodotto, capacità che ci distingue nel panorama mondiale e rafforza una leadership nel settore delle navi da crociera senza precedenti, con un carico di lavoro di 56 unità e consegne fino al 2027».

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Claudia Ceci
Claudia Ceci

Giornalista professionista, redattore. Specialista nel settore viaggi ed economia del turismo e delle crociere dopo varie esperienze in redazioni nazionali tv, della carta stampata, del web e nelle relazioni istituzionali

Guarda altri articoli