Così Jnto si tiene stretti gli italiani

by Serena Martucci | 20 febbraio 2018 7:00

Dormire su un tatami in un ryokan, tradizionale locanda giapponese, rilassarsi in una onsen, piccola sorgente termale, oppure prendere il sole distesi su una spiaggia di sabbia bianca dell’isola di Ishigaki. Tradizione, natura ma soprattutto l’omotenashi, la calorosa ospitalità nipponica: sono solo alcuni dei punti di forza di un Paese tornato ad attirare turisti da tutto il mondo.

«Nel 2017 gli italiani che hanno scelto il Giappone sono stati 125.800, per una crescita del +5,5% rispetto all’anno precedente – spiega Miyuki Iyoda, direttrice a Roma di Japan National Tourism Organization, l’ente del turismo nipponico – Per il 2018 abbiamo deciso di puntare soprattutto sui viaggi di nozze, una grossa fetta di mercato a cui è stata dedicata una pagina web ad hoc sul nostro sito istituzionale, che offre itinerari e servizi perfetti per l’organizzazione di un viaggio considerato tra i più importanti della vita da molte coppie italiane. Sono incluse destinazioni meno battute, abbinate a soggiorni mare nell’arcipelago di Okinawa».

Il Giappone, dunque, continua a mettere in mostra anche le sue zone più sconosciute, altrettanto ricche di fascino e mistero. Tra queste l’area di Tohoku, a nord verso l’Hokkaido, interamente ricostruita dopo il terremoto del 2011 e che annovera l’antica città feudale di Sendai, il monte Zao, e ancora la prefettura di Yamagata, che nasconde antichi templi e suggestivi onsen, tra i più famosi del Paese. «Vogliamo presentare le innumerevoli bellezze paesaggistiche che offre il territorio, ma anche raccontare la cultura millenaria della popolazione che lo vive – aggiunge Iyoda – Non a caso tra i focus c’è un’altra regione meno nota, la Penisola di Kii, a sud di Kyoto e Osaka, inserita dalla Lonely Planet nel Best in Travel 2018 e costellata da santuari shintoisti e templi buddhisti, tra scenari naturali e sorgenti termali fumanti in un incredibile mescolarsi di tradizione e modernità».

Sul fronte B2C, unitamente alla promozione dedicata agli honeymooner, Jnto Roma ha lanciato un sito internet per la Rugby World Cup 2019, ospitata in 12 città giapponesi. La piattaforma web in lingua italiana fornirà informazioni sul campionato mondiale e sulle località toccate dalla manifestazione sportiva, in particolare sulle città dove sarà presente la squadra azzurra (Fukuoka, Osaka, Toyota, Shizuoka). Ampio spazio verrà dato anche al segmento lusso, protagonista della seconda edizione del Jnto Luxury Showcase (ancora in via di definizione) e di un fam trip per selezionati tour operator.

Infine, per promuovere la destinazione al largo pubblico, l’ente del turismo nipponico, in occasione della Bit di Milano, ha esposto anche una cartellonistica digitale interattiva alla stazione centrale di Milano, che ha permesso ai passanti di provare virtualmente dei costumi tradizionali giapponesi. Si tratta di un’iniziativa che si inserisce nella campagna promozionale “Giappone – Dove la tradizione incontra il futuro”, che include la diffusione di un video che mostra a 360 gradi sedici destinazioni nipponiche e il contest “Vinci un viaggio in Giappone”. Il concorso, a cui è possibile partecipare online, si concluderà il 2 marzo 2018.

Il secondo step dei corsi online
Jnto ha lanciato il livello intermedio della formazione online sul Giappone, offrendo ad agenti di viaggi e agli altri operatori del settore uno strumento accurato di approfondimento, volto all’incentivazione della conoscenza e alla facilitazione della vendita della destinazione.

Il livello intermedio – rivolto a chi ha già ottenuto la certificazione base – permette agli iscritti al programma di scoprire aree rurali e meno conosciute come le regioni di Sanyo, Sanin, Kyushu e Shikoku, di apprezzarne le attrattive principali e di disporre di tutte le informazioni utili al raggiungimento di queste zone e agli spostamenti all’interno di esse. Inoltre, il nuovo livello affronta la destinazione per tematiche, permettendo studi specifici: mare, viaggi di nozze, outdoor, lusso, famiglia e cultura pop. Al termine, l’iscritto riceverà un attestato.

Source URL: https://www.lagenziadiviaggi.it/cosi-jnto-si-tiene-stretti-gli-italiani/