Iata Pay rottama le carte di credito

Iata Pay rottama le carte di credito
08 gennaio 13:05 2019 Stampa questo articolo

Si chiama Iata Pay e promette grandi vantaggi per le compagnie aeree. È il nuovo sistema di pagamento messo a punto dall’International Air Transport Association, che ha concluso con esito positivo la fase di test e permetterà alle compagnie aeree la vendita diretta della biglietteria ai consumatori. L’obiettivo di Iata, inoltre, sarebbe quello di ridurre i costi della transazioni legati ai biglietti aerei, soprattutto per quanto concerne l’utilizzo delle carte di credito.

Il test live è stato condotto in collaborazione con Ipagoo ed è stato realizzato nel Regno Unito con le compagnie aeree pilota Iata Pay, tra cui Cathay Pacific, Scandinavian Airlines ed Emirates. Inoltre, Iata sta già collaborando con Deutsche Bank dallo scorso anno per lo sviluppo di un prototipo del sistema per l’Europa.

La nuova opzione di pagamento è, quindi, perfetta per tutti quei viaggiatori che intendono comprare il proprio volo collegandosi direttamente al sito web del vettore. Una soluzione resa possibile dalla direttiva sui servizi di pagamento della Commissione europea (PSD2) e dall’Open Banking. Si tratta di regolamenti che incoraggiano l’uso delle cosiddette operazioni di addebito diretto, in cui i pagamenti vengono effettuati dal conto bancario del cliente a quello del venditore.

I VANTAGGI PER I VETTORI. Sono sostanzialmente quattro i punti di forza su cui le compagnie aeree possono spingere sfruttando Iata Pay: si è di fronte a un metodo di pagamento che si presenta più economico rispetto alle altre alternative; più sicuro nella gestione delle transazioni; che consente un cash flow rapido, vista l’immediatezza del pagamento nelle casse dei vettori; e maggiore semplicità di acquisto con conseguente riduzione delle vendite perse. Vantaggi che si ripercuotono, in parte, anche sui clienti finali.

«I consumatori di oggi, in particolare i millennial, hanno aspettative elevate in merito alle molteplici opzioni di pagamento, tra cui quelle mobili e peer-to-peer. E Iata Pay risponde alle attese – ha dichiarato Aleksander Popovich, senior vice president Iata per i servizi finanziari e di distribuzione – Allo stesso tempo, le compagnie aeree stanno cercando di gestire i costi significativi di pagamento derivanti dall’uso delle carte, che ammontano a ben 8 miliardi di dollari all’anno e sono tra l’altro in aumento. Uno dei nostri obiettivi strategici è, infatti, quello di dare sostenibilità finanziaria ai vettori, incluso il controllo dei costi».

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore