Menù in cinese e comarketing: Fidenza Village guarda a Oriente

Menù in cinese e comarketing: Fidenza Village guarda a Oriente
27 Giugno 10:18 2017 Stampa questo articolo

Valore, eccellenza e accoglienza. Sono questi i tre asset per poter intercettare i nuovi flussi turistici provenienti dalla Cina che Fidenza Village, shopping center alle porte di Parma di proprietà di Value Retail, ha saputo raccogliere ottenendo la certificazione Welcome Chinese, il riconoscimento del governo di Pechino dedicato all’ospitalità dei turisti cinesi.

«Turismo e ospitalità sono caratteristiche che ci contraddistinguono sul mercato da 15 anni», ha dichiarato Giuseppe Servidori, business director di Fidenza Village durante la tavola rotonda dedicata alle prospettive, allo sviluppo e alle opportunità delle relazioni turistiche tra Italia e Cina. «Essere certificati Welcome Chinese onora il risultato del lavoro fatto per offrire agli ospiti cinesi di Fidenza Village esperienze di shopping uniche e studiate su misura per coniugare la scoperta di un territorio ricco di tipicità e di cultura. Il tutto attraverso la guest experience, ovvero far trovare ai turisti cinesi ciò che si aspettano di trovare».

Mettere l’ospite al centro, quindi. Slogan che si traduce – è proprio il caso di dire – in un menu in cinese (tradizionale e semplificato) scaricabile attraverso Qr Code, annunci all’interno del Village in lingua, hostess e staff in grado di comprendere e parlare il cinese e di soddisfare ogni esigenza in materia di shopping grazie all’ampia disponibilità di taglie e ai servizi di spedizione.

Il 2018, inoltre, sarà l’anno del turismo Europa-Cina e il turismo cinese nel mondo continua a registrare una crescita costante, con un fatturato totale che nel 2016 ha toccato i 215 miliardi di dollari e fatto segnare un tasso di crescita di oltre il 5% secondo la China Tourism Academy (CTA).

E se nel 2015 i flussi turistici dei cinesi all’estero hanno toccato quota 120 milioni, nei prossimi cinque anni il turismo outbound raggiungerà i 700 milioni di unità. Per quanto riguarda il nostro Paese, ogni anno arrivano circa tre milioni di turisti cinesi, dato destinato a crescere già a partire dal 2017. A fine aprile 2017, Fidenza Village ha registrato un +19% delle vendite tax free generate dagli ospiti internazionali, che ha raggiunto il +13% proprio grazie agli ospiti cinesi.

La tavola rotonda di Fidenza Village ha visto inoltre la partecipazione di Tang Youjing, consigliere politico dell’Ambasciata cinese, che ha sottolineato l’impegno costante dell’Italia nel migliorare l’accoglienza dei turisti cinesi e la collaborazione reciproca.

«Lo spirito di amicizia e la passione hanno animato le iniziative intraprese da Fidenza Village, dalla città di Bologna e dal suo aeroporto, certificati Welcome Chinese, e che rappresentano delle eccellenze italiane in grado di accogliere gli ospiti cinesi al meglio». A oggi sono oltre 500 le aziende certificate Welcome Chinese, in rappresentanza di 32 paesi in tutto il mondo. L’Europa, Russia inclusa, è il continente con il maggior numero di certificazioni (321) mentre l’Italia, con 120 certificazioni, supera il quinto di quelle mondiali.

Tecnologicamente avanzato, il turista cinese – in particolar modo la categoria dei Millennials – è propenso a essere contattato attraverso piattaforme sociali, la più celebre è WeChat, e acquista in rete pacchetti turistici dedicati. E in quest’ottica le agenzie viaggi sono chiamate a fare la loro parte per intercettare, su strada, questi clienti.
«Così come accade nel mercato italiano, anche in Cina c’è ormai la tendenza a prenotare le proprie vacanze individualmente sul web – ha precisato Silvia Tagliaferri, tourism director di Value Retail – La sfida per le adv è diventare sempre più preparate a dialogare con questi soggetti quasi a diventare dei veri e propri consulenti capaci di personalizzare al massimo le loro esperienze di viaggio in Italia. In questo, prevediamo collaborazioni e azioni di co-marketing con tour operator e agenzie. Con un unico comune obiettivo: coniugare lo shopping al Fidenza Village e la scoperta di questo ricco territorio».

L'Autore

Silvia Pigozzo
Silvia Pigozzo

Guarda altri articoli