Così Amalfi “rinuncia” all’overtourism

Così Amalfi “rinuncia” all’overtourism
31 Maggio 11:06 2022 Stampa questo articolo

Operazione sostenibilità con il Piano strategico del turismo per Amalfi che mira a tornare una destinazione turistica “premium e boutique”, per riposizionarsi sul mercato turistico nazionale e internazionale, affrontando al meglio la transizione post Covid, a partire da questa estate. L’evoluzione della domanda, il nuovo comportamento dei turisti e le loro priorità, tra cui emerge la sostenibilità e l’attenzione per l’ambiente, nonché il bisogno di proposte e destinazioni turistiche con valore differenziale, hanno portato la città di Amalfi a prefissarsi come obiettivo diventare meta green, meno sovraffollata del solito.

Il Piano, realizzato dalla F Tourism & Marketing di Josep Ejarque, ha innanzitutto identificato il limite di capacità di carico turistico, in termini di visitatori, che la destinazione può accogliere al giorno. Una delle prime azioni conseguenti è il contingentamento dei bus turistici e delle auto (in alta stagione) e il potenziamento del trasporto marittimo, oltre alla soppressione delle soste dei bus turistici in centro.

Azioni che si tradurrebbero in una perdita di 1 milione e 200mila euro nel budget comunale, limitando però caos e sovraffollamento. Ne gioverebbe, dunque, la qualità della visita e sicuramente la reddittività del sistema turistico di Amalfi, che nelle scorse stagioni ha raggiunto picchi di 17.800 turisti/ al giorno nel centro cittadino. La punta massima economicamente sostenibile è invece individuata, nel breve periodo, in 14mila unità che dovranno calare a 10mila sul medio periodo.

Leggi anche “La pericolosa tentazione di dire go home”

Questa iniziativa ha dunque come obiettivo far diventare Amalfi una destinazione di turismo sostenibile, focalizzandosi su una governance operativa pubblico-privata, una cooperazione fra operatori turistici attraverso una rete di destinazione e una strategia di prodotto, marketing e comunicazione innovativa.

Tre le strategie da attuare e focalizzate dal Piano: gestione del turista, sviluppo e competitività e marketing. E ancora, allungare la stagione, rafforzare il valore del brand Amalfi, assicurare ai residenti qualità di vita e sviluppare nuove esperienze turistiche. Ma anche un’importante presenza online e social nei mercati nazionali ed internazionali.

Per raggiungere gli obiettivi prefissati, l’ente pubblico dovrà lavorare su promozione e comunicazione turistica, infopoint e accoglienza, mentre il privato, ovvero la rete di destinazione, dovrà dedicarsi al prodotto, ai servizi turistici e alle proposte ai turisti. Qualità, formazione costante e monitoraggio continuo della customer satisfaction sono gli altri elementi previsti dal Piano.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli