Cordata anti-Lufthansa per prendersi Alitalia

Cordata anti-Lufthansa per prendersi Alitalia
16 Febbraio 10:54 2018 Stampa questo articolo

Mentre Alitalia celebra il podio di compagnia aerea più puntuale al mondo, con il 91,89% dei voli atterrati in orario a gennaio, si rincorrono le voci su una maxi cordata che vorrebbe acquistarla. Un fronte comune composto da Air France-Klm, easyJet, Delta e il fondo Cerberus, che stando alle indiscrezioni potrebbero unire le forze per strappare Alitalia a Lufthansa, finora data per favorita nella vendita della compagnia.

Stando a quanto riportato da La Repubblica, i quattro big avrebbero chiesto di fissare un incontro con i commissari per i prossimi giorni, probabilmente il 22 febbraio. Un nuovo scenario che va di pari passo con la notizia, trapelata nelle scorse ore, di un possibile ingresso in gara della Cassa Depositi e Prestiti, già impegnata nel turismo sul fronte alberghiero.

Una cosa, intanto, sembra essere certa, la fase di approfondimento che precede i negoziati in esclusiva si protrarrà oltre il 4 marzo, data delle elezioni. «In questo momento non ci sono le condizioni per chiudere l’operazione», ha dichiarato anche il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio, a margine del convegno dell’Enav sul trasporto aereo.

«Abbiamo sempre detto che avremmo concluso quando avremmo avuto un’offerta all’altezza e prospettive di sviluppo. Le cose sono impostate in maniera molto seria, continuiamo a lavorare con un approccio che alla fine pagherà», ha aggiunto il responsabile del dicastero.

Sull’ipotesi della cordata a quattro, Delrio si è trincerato dietro un «no comment», pronunciato anche dal commissario straordinario di Alitalia, Stefano Paleari, che insieme ai colleghi Luigi Gubitosi ed Enrico Laghi dovrebbe incontrare nella giornata di lunedì 19 febbraio il ministro per lo Sviluppo economico Carlo Calenda.

Nessun commento anche da parte di Air France-Klm, anche se appare confermato l’interesse del Gruppo franco-olandese, interessato a capire il futuro di Alitalia nell’ambito della joint venture transatlantica che comprende Delta e la stessa compagnia italiana. Sullo sfondo la necessità di contrastare le velleità di Lufthansa.

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli