Controlli e orari prolungati, così riaprono i musei di Roma

Controlli e orari prolungati, così riaprono i musei di Roma
12 Maggio 13:55 2020 Stampa questo articolo

Accessi contingentati, biglietti online e orari prolungati. Sono le misure che il sistema dei Musei civici capitolini e Zetema stanno studiando a Roma in previsione della riapertura di lunedì 18 maggio. La Sovrintendenza capitolina ha predisposto un piano per gestire la fruibilità dei luoghi della cultura in “totale sicurezza e secondo le prescrizioni del distanziamento sociale”.

«L’acquisto del biglietto avverrà online. L’utente dovrà stamparlo, salvo poi la conversione dello stesso nel biglietto effettivo al momento dell’ingresso – spiega la presidente della commissione Cultura del Campidoglio, Eleonora Guadagno – Il numero 060608 fornirà le informazioni sugli accessi nei musei, possibile solo attraverso la prenotazione obbligatoria. Resta il diritto di prevendita di 1 euro, ma la prenotazione sarà gratuita per i possessori della Mic card».

Tutti i luoghi fisici saranno dotati di barriere di plexiglass e di segnaletica sul pavimento per mantenere la distanza di sicurezza ed evitare assembramenti. Nel caso di presenza di termoscanner, se confermati, si opterà per quelli a muro per non gravare sugli operatori dei musei. Gli ambienti e i servizi igienici verranno poi disinfestati di frequente, mentre per le visite guidate verrà incentivato l’uso di videoguide attraverso app dal proprio cellulare.

Nel piano di riapertura dei Musei sono previsti orari prolungati per consentire il maggiore accesso possibile, nonostante il flusso contingentato. Il Circo Massimo, per esempio, potrà essere aperto ai visitatori in orario serale.

L'Autore

Serena Martucci
Serena Martucci

Guarda altri articoli