I conti di Italo: +15,3% di passeggeri nel 2017

I conti di Italo: +15,3% di passeggeri nel 2017
19 Gennaio 07:00 2018 Stampa questo articolo

Risultati in aumento per Ntv-Italo. Il consiglio di amministrazione della società, presieduto da Luca Cordero di Montezemolo, ha esaminato e approvato i conti al 31 dicembre 2017, presentati dall’amministratore delegato Flavio Cattaneo. A crescere sono anzitutto i passeggeri: nel corso del 2017, infatti, Italo ha trasportato 12,8 milioni di viaggiatori, contro gli 11,1 milioni del 2016, con un incremento del 15,3%. I ricavi sono quindi pari a 454,9 milioni di euro contro i 364,4 milioni di euro al 31 dicembre 2016, con un incremento del 24,8%.

Esclusi i costi straordinari, l’Ebitda Adjusted raggiunge i 155,7 milioni di euro contro i 95,0 milioni del 2016, in crescita del 64,0%. Al netto degli ammortamenti e svalutazioni, pari a 29,5 milioni di euro contro i 32,5 del 2016, con un decremento del 9,4%, l’Ebit ammonta a 112,6 milioni di euro contro i 62,4 milioni del 2016, in aumento dell’80,3%. Dedotti gli oneri finanziari, inclusi gli interessi passivi/attivi, pari a 58,1 milioni di euro in crescita del 303,4% sui 14,4 milioni di euro del 2016 per poste straordinarie per lo più dovute al rifinanziamento (42,3 milioni) l’ Ebt si assesta a 54,4 milioni contro i 48,0 milioni del 2016 con un incremento percentuale di 13,3%. Dedotte le imposte di esercizio pari a 20,7 milioni di euro, contro i 15,3 dello stesso periodo del 2016, il risultato netto è pari a 33,8 milioni di euro, contro i 32,7 milioni del 31.12.2016.

Al 31 dicembre 2017, i conti evidenziano una riduzione dell’indebitamento del 17,7% (95,2 milioni di euro): la posizione finanziaria netta è infatti pari a 443,0 milioni di euro, contro i 538,2 milioni di euro del 2016. Visti i risultati il cda ha proposto all’assemblea un dividendo di 30 milioni di euro pagabile a luglio 2018, e approvato la politica dei dividendi per il triennio 2018/2020, che prevede la formulazione di proposte all’assemblea per la distribuzione di dividendi compresi tra il 50% e il 70% del risultato netto, e la possibilità del pagamento di acconti.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore