Compagnie aeree, Bruxelles apre agli aiuti di Stato

Compagnie aeree, Bruxelles apre agli aiuti di Stato
17 Marzo 15:58 2020 Stampa questo articolo

La Commissione europea compie un altro passo in direzione del settore aeronautico del vecchio continente. Dopo avere autorizzato qualche giorno fa la sospensione temporanea dello schema vigente di utilizzo degli slot da parte delle compagnie (adesso i vettori hanno tempo fino al 30 giugno 2020 per non usare i diritti di traffico in loro possesso, senza il rischio di perderli), Bruxelles ha adesso dato un primo via libera ai contributi a sostegno del comparto aviation, modificando lo schema degli aiuti di stato alle imprese in difficoltà.

“Per minimizzare i danni al settore dell’aviazione, serve un’azione urgente. La Commissione è pronta a lavorare con gli Stati membri immediatamente per cercare soluzioni, utilizzando la piena flessibilità degli aiuti di Stato“, si legge in una nota citata da Repubblica.it.

“La compensazione alle compagnie può essere data in base all’articolo 107(2)(b) del Trattato”, e la cosa può avvenire anche per compagnie “che hanno ricevuto aiuti negli ultimi dieci anni”. In altre parole, conclude il documento, “non si applica il principio del ‘one time last time’ di solito utilizzato”.

In queste stesse ore, sul tavolo dei responsabili europei dei trasporti è arrivata anche una lettera aperta di A4E e Era (European Regions Airline), che sottolineano come di fronte alla circostanze eccezionali in cui si trova l’intero comparto dell’aviazione commerciale, sia necessario prendere al più presto una serie di decisioni.

Gli argomenti al centro dell’attenzione, sottolineano le due associazioni, riguardano la creazione di unico mercato europeo dell’aviazione, l’implementazione di un pacchetto di stimoli diretti a supportare l’intero comparto, la proroga fino alla fine di ottobre 2020 della sospensione degli slot, la riforma delle regole relative ai diritti dei passeggeri.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore