Club Med, rinasce La Caravelle a 50 anni dall’apertura

09 aprile 12:18 2019 Stampa questo articolo

Club Med La Caravelle di Guadalupa riapre le sue porte a dicembre 2019 in veste rinnovata e sempre fedele alla sua identità, proponendosi ancora una volta come punto di riferimento per le vacanze nelle Antille Francesi.

Situato su una spiaggia protetta dalla barriera corallina dell’isola vulcanica considerata tra le più belle dei Caraibi, paradiso dai kitesurfer, ora è un resort ipercontemporaneo con spazi e servizi pensati per la vacanza in famiglia o in coppia da trascorrere in uno scenario tropicale incontaminato, sperimentando nuovi sport, provando i trattamenti della Spa e assaggiando la miglior cucina locale.

Inaugurato nel 1969, con il restyling e un investimento di 40 milioni di euro, a 50 anni dalla sua apertura La Caravelle cambia volto: aumentate e ridisegnate le camere, nuova Spa, ristoranti raffinati, più spazi per bambini e per lo sport, un’Oasi Zen dedicata solo agli adulti. Il progetto è stato affidato all’architetto Philippe Cervantes che ha ripensato il resort ispirandosi all’architettura creola, mentre gli interni sono stati curati da Michael Malapert, ricordando foreste tropicali, spiagge bianche, biodiversità. Il verde che ricorda gli alberi, il blu le lagune e il giallo come omaggio ai tessuti di madras ora sono i colori dominanti del resort, e il colibrì, simbolo di libertà e natura, ne è il leit motiv.

La struttura ha visto un significativo aumento del numero di camere (130 in più per un totale di 388 camere). Tutte completamente rinnovate, ora si può scegliere tra categoria Club, Deluxe e Suite. Le 76 nuove camere Club godono di vista mare e sono attrezzate con divano letto per bambini fino a 12 anni. Sono pensate per le famiglie anche le 12 nuove suite composte da due camere, ciascuna con il proprio bagno. Nell’oasi zen, area dedicata solo agli adulti, ci sono 30 camere Deluxe con angolo soggiorno con vista mare o giardino e 12 suite che sono invece composte da camera con soggiorno separato e un bagno con una vasca affacciata su grandi vetrate per godersi il mare.

Lo sport ha un ruolo fondamentale per Club Med, che a La Caravelle – oltre a quelli acquatici come vela, kitesurf, paddle – offre campi da tennis, calcio, pallavolo e l’opportunità di sperimentare attività diverse e inusuali come il trapezio volante e il pickleball, grande novità del resort. Molto in voga negli Stati Uniti, è uno sport che mixa badminton, tennis e ping pong destinato a diventare un trend mondiale: gli ospiti italiani potranno provarlo in anteprima.

Rinnovata anche la Spa, nascosta tra la vegetazione tropicale, con mobili in legno dal design minimalista con tocchi di rosa come le bouganville di Guadalupa. Ci sono hammam e doccia sensoriale, un salone di bellezza, un’area relax all’aperto, cinque cabine per i trattamenti di cui una dedicata alle coppie. In più, due palapas che si raggiungono con un pontile dove godersi rituali sospesi nell’acqua dei Caraibi.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore