Chiusura Linate, prove generali di crescita per Malpensa

Chiusura Linate, prove generali di crescita per Malpensa
04 Aprile 11:30 2019 Stampa questo articolo

Quella della chiusura di Linate sarà una prova generale per Sea. Non solo sulla gestione di questa situazione straordinaria annunciata da tempo, ma anche sulla capacità di affrontare flussi più alti di passeggeri e pensare in futuro a un Malpensa ampliato e rafforzato. Il city airport milanese rimarrà infatti chiuso tre mesi, dal 27 luglio al 27 ottobre, per il rifacimento della pista e lavori di restyling dell’aerostazione e i voli saranno trasferiti nell’altro aeroporto dell’area meneghina e a Bergamo.

Come si sta attrezzando Malpensa? «Stiamo testando tutti i sottosistemi e provvedendo ai loro upgrade. Ci saranno due nuove aree check in e incrementeremo gli strumenti per la sicurezza, come anche le postazioni per il controllo dei passaporti elettronici. Si pensa di inserire due nuove macchine ma spetterà anche alla Polizia darci indicazioni in merito», spiega Andrea Tucci, vice president aviation business development Sea.

Sono tutti interventi che in realtà non servono solo a superare la contingenza: «Ci stiamo attrezzando a lavorare ipotizzando una dimensione da 30 milioni di passeggeri al Terminal 1. Sarà sicuramente impegnativo, ma ci darà la possibilità di capire cosa possiamo fare nella nostra crescita».

Focus naturalmente anche sulle risorse umane che verranno dislocate: «Abbiamo definito un gruppo di lavoro che sarà dedicato proprio al personale, abbiamo iniziato a fare training e attività di familiarizzazione».

E l’altro tema cruciale non potrà che essere quello dell’accessibilità, perché non è solo lo scalo a rischiare il congestionamento. «Sui trasporti stiamo lavorando in collaborazione con tutte le amministrazioni, sono certo che i treni saranno aumentati ma credo che ci voglia anche un buon bilanciamento nell’uso dell’A8 e dell’A4».

Nei primi tre mesi del 2019 Malpensa è cresciuto dell’11% e negli ultimi dodici mesi da marzo 2018 ha superato i 25 milioni di passeggeri. «Questo ci fa pensare che i 26 milioni siano un traguardo che possiamo raggiungere», conclude Tucci.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Mariangela Traficante
Mariangela Traficante

Guarda altri articoli