CBReL e Regione Lazio, quattro chiavi per il rilancio turistico

by Redazione | 11 Aprile 2022 15:51

Quattro assi nella manica della Regione Lazio per la ripartenza turistica di tutti i territori: il wedding con la punta di diamante del Consorzio “castelli Romani” con location storiche e di forte appeal paesaggistico, la meeting industry con il polo congressuale dell’Eur e di Fiuggi, lo sport con l’imminente appuntamento operativo dell’Igtm, International Golf Travel Market, che si terrà a Roma e precede la Ryder Cup 2023 (evento clou di richiamo mediatico mondiale) e l’automotive, ovvero location nel territorio laziale con l’eccellenza della pista di Vallelunga per ospitare presentazioni di nuovi modelli automobilisti. A sostenere e contribuire concretamente nella strategia di promozione e commercializzazione, ci sarà il Convention Bureau di Roma e Lazio.

I dettagli della strategia della regione sono stati illustrati alla Bit dall’assessore al Turismo Regione Lazio, Valentina Corrado che ha spiegato: «Punteremo a rilanciare il settore congressuale che ha un impatto decisivo nell’economia del territorio. E il bouquet di attrazioni che il nostro territorio è in grado di offrire sui mercati esteri si rivolgerà a una serie di target che oltre a diversificare i flussi, potranno generare un forte impatto sull’indotto e con il Convention Bureau, così come con altri attori della filiera, stiamo lavorando a una serie di azioni rivolte a stimolare queste tipologie di traffico turistico».

Una proficua collaborazione ribadita dal presidente del CBReL Stefano Fiori: «Stiamo compiendo un buon lavoro in team con la Regione Lazio come mai era accaduto prima. Ripartiamo dopo due anni in cui solo nella meeting industry della regione si è avuta una perdita di fatturato dell’85%. Ora ci sono ottimi segnali di ripresa, grazie anche all’effetto mediatico del summit del G20 organizzato a Roma, che ha dato una importante visibilità a livello mondiale della nostra regione. Eguali potenzialità si possono riscontrare nel wedding. E sul versante dell’accessibilità, poi, possiamo contare sull’asset vincente dell’aeroporto di Fiumicino, pluripremiato negli ultimi anni per la qualità dei servizi erogati che già registra un ritorno di capacità di flussi nella misura del 70% rispetto al 2019, con un piano voli che in taluni casi, come nei collegamenti da e per gli Usa, sarà addirittura superiore al 2019 e importanti riaperture di rotte verso Sudamerica, l’Australia e Singapore».

Fiori si è poi soffermato sul cluster dell’automotive, candidando il Lazio a «location ideale per la presentazione di nuovi modelli grazie all’asset vincente del circuito di Vallelunga che ospita anche un tracciato per competizioni riservate alle auto elettriche».

Altro asset turistico sarà lo sport e in particolare il golf, con l’evento operativo dell’Igtm (International Golf Travel Market) in ottobre a Roma con un migliaio di operatori specializzati nel turismo del golf, che precederà la Ryder Cup 2023 (evento tra i più seguiti in tutto il mondo), una irripetibile opportunità di crescita: a tal proposito Onorio Rebecchini, amministratore delegato dello Sheraton Golf Parco de’ Medici Hotel& Resort e membro del Cda del CBReL ha evidenziato come «il turismo del golf in Europa registra un volume d’affari di quasi 4 miliardi di euro, di cui solo un 7% viene intercettato dall’Italia».

Per cogliere queste occasioni e mettere a regime i cluster individuati, il Convention Bureau Roma e Lazio sarà parte proattiva per avviare da subito leve promozionali e commerciali indispensabili per la ripartenza della meeting industry nell’intera regione.

Source URL: https://www.lagenziadiviaggi.it/cbrel-e-regione-lazio-quattro-chiavi-per-il-rilancio-turistico/