Caos leggi in agenzia:
la geografia delle anomalie

Caos leggi in agenzia: <br>la geografia delle anomalie
19 marzo 07:00 2019 Stampa questo articolo

Sette regioni, dalla Valle d’Aosta alla Calabria, tasselli-chiave di una vera e propria “mappa delle anomalie” nel retail turistico. Tutta colpa del labirinto legislativo a cui sono sottoposte le agenzie di viaggi per la mancata armonizzazione delle norme regionali con la nuova direttiva pacchetti dell’Ue e con la riforma delle professioni turistiche.

Una distorsione del “federalismo all’italiana”, che se fosse corretta eviterebbe disparità di trattamento tra regione e regione e permetterebbe un maggiore controllo di fenomeni come quello dell’abusivismo.

Con Fto siamo partiti in una sorta di giro d’Italia virtuale, con il preciso obiettivo di fare emergere i vizi legislativi dei territori. C’è chi corrisponde ancora la tassa sulle concessioni regionali per esercitare l’attività, chi paga 20mila euro di fideiussione per avviare la propria agenzia, o chi (addirittura) non ha una legge sul turismo. Fino al nodo direttore tecnico (qui subentra anche la figura dei prestanome), un’incognita per mezza Italia.

«È una giungla – commenta Gabriele Milani, direttore nazionale dell’associazione presieduta da Luca Patanè – Sono gli effetti della competenza regionale nel turismo, ma non solo. È necessario che le Regioni procedano urgentemente con l’adeguamento delle rispettive leggi in ambito turistico al nuovo Codice, per ostacolare gli abusivi e limitare le attività di organizzazioni di viaggi impropriamente svolte da associazioni culturali, religiose o anche sportive».

IL SERVIZIO COMPLETO SU L’AGENZIA DI VIAGGI MAGAZINE IN DISTRIBUZIONE ALLA BMT DI NAPOLI

*La ricerca, che ha coinvolto sette regioni italiane, è stata realizzata da Fto – Federazione Turismo Organizzato con L’Agenzia di Viaggi Magazine 

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Giulia Di Camillo
Giulia Di Camillo

Guarda altri articoli