Canada, parchi gratis e sempre più fly&drive

Canada, parchi gratis e sempre più fly&drive
21 Febbraio 11:20 2017 Stampa questo articolo

È il Paese della natura sconfinata, dei grizzly e delle balene. Ma anche della multiculturalità e dell’alta qualità della vita. Toronto, Québec, Montréal e Ottawa sono veri e propri musei all’aperto. Tutto questo è il Canada che per molti italiani è ancora una meta sconosciuta, ma per le agenzie di viaggi è una destinazione di nicchia che però, spiegano, sta prendendo piede.

A luglio si celebrerà il 150esimo anniversario dell’autonomia del Paese e i parchi naturali saranno totalmente gratis per tutto l’anno. «Abbiamo buone richieste. Le mete più visitate sono le grandi città come Montréal, Québec, Toronto (con una tappa alle cascate del Niagara) e Ottawa. Ma anche Vancouver, Alberta e la British Columbia – spiega Fabrizio Aletti, titolare di Iassu Viaggi a Bergamo – Scelgono questa destinazione soprattutto coppie o gruppi di amici dai 45 anni in su, amanti della natura. Generalmente organizziamo tour individuali di 15 giorni, da giugno a settembre. Gli operatori con cui lavoriamo sono Giver e Quality Group».

Anche a Palermo, all’agenzia Biba Tour, «i clienti scelgono il classico tour di gruppo, di circa dieci giorni, nella parte est del Canada. Il target di riferimento è il viaggiatore adulto, dai 30 ai 50 anni con un budget di spesa medio alto», afferma Stefano Corselli, titolare dell’adv, che dice di affidarsi per lo più a Mistral e Naar.

«È una destinazione che negli ultimi due anni viene più richiesta – afferma Alessia Saveri, titolare dell’agenzia Ali&Sof di Roma – La formula più accattivante sono i fly&drive di circa 11 giorni (nel periodo estivo) per un tour nella parte est del paese. Vendiamo bene anche i viaggi organizzati che danno al cliente la possibilità di esplorare luoghi meno conosciuti, come, per esempio, un’escursione sul fiume San Lorenzo».

Pierluigi Palumbo, titolare della Elios Viaggi di Chieti, spiega: «Chi sceglie il Canada è un viaggiatore evoluto che spesso ha già visitato gli Stati Uniti. Predilige il tour di circa dieci giorni lungo la costa atlantica, da Québec a Montreal. Il target è dai 50 anni in su con un budget di 2-3mila euro. Mentre i più giovani scelgono la formula fly &drive per un tour di due settimane nella parte ovest del paese alla scoperta dei parchi come il Banff National dove è possibile ammirare grizzly, alci e cervi o il Jasper National dove si potrà camminare lungo i numerosi sentieri per scoprire gli angoli più nascosti del luogo. Gli operatori con cui lavoriamo sono Viaggi Idea e Hotelplan».

Giulio Grasso, titolare dell’agenzia Maison du Voyage di Milano, spiega che «non è una destinazione facile da vendere rispetto agli Stati Uniti per via dei costi più alti. Se abbinato ad altre mete ha sicuramente più chance di essere visitato. Noi proponiamo tour organizzati di circa dieci giorni come, per esempio, Ottawa, Toronto e dintorni insieme a New York e Washington. E lavoriamo con Mistral e Viaggidea».

Ma ci sono anche le eccezioni come quella dell’agenzia Lancaster Viaggi di Torino. «Negli ultimi anni non abbiamo avuto richieste – afferma la titolare Paola Monasterolo – A differenza degli Stati Uniti il Canada, anche se offre molto di più a livello di paesaggi, è una meta ancora troppo poco conosciuta. Ci va il viaggiatore, ma non il turista. In passato il cliente che si è rivolto a noi ha scelto la formula fly&drive di due settimane per visitare le città dell’est o per un tour nei parchi».

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Silvana Chiodi
Silvana Chiodi

Guarda altri articoli