Bto, a Firenze gli scenari più innovativi della travel industry

Bto, a Firenze gli scenari più innovativi della travel industry
14 marzo 16:53 2019 Stampa questo articolo

Si svolgerà mercoledì 20 e giovedì 21 marzo, alla Stazione Leopolda di Firenze, “Bto11 – Right Here, Right Now” l’evento di riferimento dedicato al rapporto tra travel & innovation. Decine gli incontri, i panel e i workshop durante i quali verranno delineati trend e scenari del turismo italiano e internazionale, con un occhio di riguardo per la rivoluzione digitale in atto e per le sue ricadute sul settore.

Proprio questo è il tema su cui si è soffermato Stefano Ciuoffo, assessore al Turismo della Regione Toscana, durante la conferenza stampa di presentazione: «Il digitale è uno strumento imprescindibile per lo sviluppo del turismo in Toscana e in Italia, specie per governare i flussi e per offrire al visitatore un’esperienza il più possibile personalizzata».

Sulla stessa linea anche il direttore di Toscana Promozione Turistica, Francesco Palumbo. «In futuro il turismo sarà esclusivamente digitalizzato. L’intero processo, dall’acquisto del viaggio all’organizzazione delle attività durante la permanenza, avverrà su piattaforme online. L’obiettivo – ha spiegato – è usare le nuove tecnologie per assicurarsi una corretta governance dei flussi e per fidelizzare il turista, spingendolo a tornare nel territorio visitato». Quattro gli asset principali della nuova edizione di Bto: Hospitality, Destination, Digital Strategy, Food & Wine Tourism.

Hospitality – Tra tecnologia e fattore umano. Quello turistico è un mercato che, forse più di altri, mette al centro il fattore umano e l’empatia in grado di crearsi tra host e guest. La sfida per l’immediato futuro è far sì che la tecnologia faccia da supporto all’attività umana, semplificando quanto più possibile l’esperienza di viaggio e accompagnando il turista in ogni sua fase – prima, durante e dopo il soggiorno. Tra gli altri argomenti si parlerà di intelligenza artificiale, sicurezza e transazioni online, dreamhotel, chatbot e interfaccia vocale.

Digital Strategy – Ecommerce e user experience. In Italia, quasi un acquisto su due avviene online. Un fenomeno, questo, facilitato dalla rapida crescita del mobile ecommerce, pari a circa un quarto degli acquisti (dati 2018 dell’Osservatorio eCommerce B2C). In questo contesto, dotarsi di un sito web e di un ecommerce semplici da navigare e in grado di fornire un’esperienza d’uso facile e intuitiva sono requisiti essenziali per gli operatori del settore. Google, Amazon Pay, Alipay, Airbnb, TripAdvisor e Booking.com sono solo alcune delle piattaforme che saranno approfondite nel corso di panel e workshop.

Nella due giorni sarà poi presentata Ok Home, una app interamente sviluppata a Firenze e dedicata all’home sharing. Attraverso la app sarà possibile non solo prenotare il proprio soggiorno, ma anche entrare in casa e usufruire di tutti i servizi normalmente svolti dalla reception.

Food & Wine – Come la tecnologia influenza il turismo alimentare. Per la prima volta, il settore Food & Wine entra a far parte di Bto. Si parlerà del rapporto tra tecnologia e turismo alimentare, della rivoluzione rappresentata dalle nuove realtà del food delivery e di come l’avvento delle app per smartphone abbia cambiato il rapporto con il cibo. Grande attenzione sarà poi conferita alla blockchain e al suo ruolo chiave nella certificazione della tracciabilità degli alimenti e del rapporto con il territorio.

Destination – Digitale e marketing territoriale. Infine, Bto farà da vetrina per quelle realtà italiane che si sono distinte per l’uso virtuoso delle nuove tecnologie applicate al marketing territoriale. È il caso del Lago di Costanza, dell’isola di Creta, di Matera – Capitale Europea della Cultura 2019, ma anche delle Regioni Friuli Venezia e Giulia, Trentino e Puglia. Ampio spazio sarà poi dedicato a Ecosistemi Digitali, il percorso avviato nel 2016 da Regione Toscana, Toscana Promozione Turistica ed Enit per la definizione e l’avviamento del Piano Strategico di Sviluppo del Turismo 2017-2022.

L'Autore