Bell Travel e la Thailandia su misura

20 maggio 14:20 2019 Stampa questo articolo

Con 55 anni di esperienza operativa e una specializzazione nel sud est asiatico, il tour operator Bell travel non ha certo bisogno di presentazioni: ma presidiare oggi il mercato con una programmazione su un’area del mondo abbastanza inflazionata in termini di tour operating non è facile.

Il piccolo e agguerrito team di Bell Travel – capitanato da Ilaria Annibali, ceo, e Michela Pichi, general manager e coadiuvato dal giovane Simone Gregori che si occupa di web marketing – ha raccolto la sfida realizzando un catalogo dal titolo “La nostra Thailandia”, suddiviso in prodotti di nicchia.

«È un paese dove la specializzazione paga e la consulenza del t.o. e dell’adv può davvero fare la differenza, soprattutto per le proposte di nicchia – spiegano Annibali e Pichi – Ad esempio non tutti sanno che in alcune zone della Thailandia non ci sono tante family room e un viaggio va studiato nei dettagli, selezionando le strutture ricettive. Noi di Bell Travel ispezioniamo periodicamente gli alberghi che programmiamo e conosciamo le aree dove è appropriato fare una vacanza con la famiglia. Da qui nasce la nostra strategia che intende proporre sul mercato una Thailandia secondo i singoli target e le passioni personali.»

Nello sfogliare il depliant di Bell Travel ci si rende subito conto dell’impostazione: a partire dalla sezione Eco Luxury per fasce di clientela medio alta, che le responsabili del t.o. amano definire «il lusso a piedi nudi», una formula di turismo sostenibile senza rinunciare al comfort e all’esclusività di villas e resort a Koh Samui, tra le colline di Kamala, con programmi per Chiang Rai, Chiang Mai ed estensioni mare.

Si prosegue con la sezione In Famiglia che raccoglie circuiti che comprendono esperienze uniche come l’interazione con gli elefanti, avventure nella giungla con kayak, cycling e pernottamenti nelle floating villas. Il catalogo comprende la sezione Adventure che prevede visite al parco storico-archeologico di Ayutthaya, al villaggio Karen con rafting sulle rapide del fiume Tang, al parco nazionale di Khao Sok, il più grande del sud del Paese.

A completamento c’è la sezione della Thailandia remota, che consente al viaggiatore di scoprire luoghi come le spiagge di Koh Bulon, l’isola di Koh Ngai, ideale anche per viaggi di nozze. «Ci sono poi le nuove proposte ispirate  alle passioni dei viaggiatori – aggiungono Annibali e Pichi – Di fatto abbiamo voluto abbinare il concept di soggiorno a quello delle esperienze della vacanza attiva; infatti abbiamo realizzato proposte che riguardano gli sportivi, con programmi per il fitness e per il rock climbing combinati ai soggiorni mare, grazie ai nostri collaudati corrispondenti. E ci sono le proposte d’alta gamma, con jet privati, che comprendono anche un’esperienza combinata in Vietnam. Per questo particolare prodotto stiamo pensando a una data evento che concorderemo con quelle adv partner che ci segnaleranno clienti vip interessati a tale offerta con budget di almeno 30mila euro».

Tante offerte personalizzate che Bell Travel già comunica periodicamente alle sue adv partner con apposite newsletter e che ha illustrato, col vettore partner Bangkok Airways presente con il sales executive del suo gsa Spazio, Antonella Favaroni, nel workshop sensoriale organizzato a Rimini per agenti del centro Italia ai quali è stata regalata anche una mattinata di massaggi thailandesi.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli