Barcolana, Musement porta lo sport in 20mila agenzie Tui

12 giugno 15:16 2019 Stampa questo articolo

Un indotto da 70 milioni di euro: tanto produce per il territorio la Barcolana, la storica regata nel golfo di Trieste che l’anno scorso, edizione numero 50, ha raccolto il record di 2689 imbarcazioni (che le è valso il titolo di “The largest sailing race in the world”) e 300mila spettatori a terra. La manifestazione si conferma volano di promozione per una regione – il Friuli Venezia Giulia – che ha deciso di puntare sugli eventi e sulla “trasformazione” in brand delle sue località di punta.

Tanto che si rinnova per il quarto anno consecutivo la partnership con Musement: l’ex startup entrata nell’universo Tui propone anche quest’anno un ventaglio di pacchetti, per pubblico e trade, che combinano l’evento (appuntamenti a Trieste dal 4 fino al 13 ottobre, giorno della regata; presentato a Milano anche il manifesto ufficiale firmato dall’illustratrice Olimpia Zagnoli) con la scoperta del territorio, e puntano ad attrarre anche il corporate, costruendo esperienze su misura per aziende.

È Barcolana Experience il nome scelto per queste proposte. «Siamo cresciuti anche noi con la Barcolana in questi quattro anni – commenta Lorenzo de Salvo, head of sport area di Musement – Oggi vendiamo oltre 30mila esperienze e attività in 70 Paesi».

IL GRANDE SLAM DELLE REGATE. In merito alla Barcolana, «Sono tre i temi importanti e il primo è l’internazionalizzazione – ha annunciato Mitja Gialu, presidente della Società velica di Barcolana e Grignano – In questi anni l’evento ha iniziato un percorso sul fronte internazionale, il nostro obiettivo strategico: in una presentazione presso l’Ambasciata italiana a Londra illustreremo il nuovo gemellaggio con la Round the island race, importante regata all’isola di Wight, cui parteciperà un equipaggio della Barcolana; noi a nostra volta ne ospiteremo uno del circolo inglese a Trieste. Lo considero il primo step di un progetto più grande, per realizzare un grande slam delle regate in Europa e magari nel mondo».

GRANDI EVENTI PER AZIENDE. Diventa mondiale il palcoscenico della commercializzazione: «Attraverso le oltre ventimila agenzie di viaggi Tui nel mondo allarghiamo i canali distributivi – spiega ancora Lorenzo De Salvo in merito a Musement – Per molti Paesi è stata completata l’integrazione, per cui tutti i prodotti presenti su Musement.com sono automaticamente distribuiti su Go Tui come parte b2c e sui diversi siti nazionali. La clientela forte Tui è il Nord e Centro Europa, mentre per Musement è sempre stata quella di Francia, Spagna e Italia. Uniamo queste due forze».

La divisione sport e wellness di Musement è stata creata quattro anni fa. «Continuiamo a essere presenti su eventi di nicchia ma stiamo lavorando ad accordi importanti con altri grandi eventi che annunceremo prossimamente – aggiunge – I punti di forza della piattaforma sono la combinazione di tecnologia e attività da tour operating e, sul fronte sport, anche i margini più alti rispetto al biglietto di un museo di cui sei reseller».

Si tratta di un’offerta leisure, ma non solo: «Si sposa bene con l’interesse delle aziende per attività di team building e incentive, siamo a disposizione per offrire attività su questo fronte, anche grazie alla parte booking di cui ora ci siamo dotati», racconta De Salvo.

ONLINE LE BARCOLANA EXPERIENCE. Musement, con la collaborazione tecnica di Cividin Viaggi, ha ideato e lanciato le Barcolana Experience, ovvero una serie di attività acquistabili sia su www.barcolana.it che su Musement. Le proposte in campo sono diverse e si aggiungeranno man mano sui canali, dando anche alle agenzie di viaggi la possibilità di proporle e di realizzare pacchetti.

«Abbiamo creato tre aree: la prima permette di assistere alla regata da un punto di vista privilegiato come quello di una motonave, o anche partecipare con uno skipper professionista, o su un gommone e quest’anno avremo anche una vip lounge – spiega l’head of sport area – Poi c’è la parte turistica che si arricchisce di prodotti, come il dinner party in motonave la sera prima della Barcolana, ma anche la possibilità di scoprire Trieste e il territorio con walking tour e esperienze enogastronomiche. Infine Barcolana tasting, tour alla scoperta delle specialità locali».

Un ultimo aspetto riguarda poi quello di «tour operating vero e proprio, con la parte di accomodation e transfer, è presente già sul sito e nei prossimi giorni comunicheremo in maniera più approfondita», conclude de Salvo.

L'Autore

Mariangela Traficante
Mariangela Traficante

Guarda altri articoli