Alitalia, in campo c’è ancora easyJet

Alitalia, in campo c’è ancora easyJet
16 ottobre 11:00 2018 Stampa questo articolo

easyJet sarebbe ancora interessata a una Alitalia ristrutturata, come parte di un consorzio. “Le discussioni sono in corso. Tuttavia easyJet non è a conoscenza di quali decisioni il governo potrà eventualmente prendere sulla procedura di vendita”, ammettono fonti interne alla compagnia riportate dall’AdnKronos.

Il mese scorso, in un’intervista, il ceo del vettore britannico, Johan Lundgren, aveva dichiarato che easyJet era ancora interessata ad Alitalia e in contatto con l’esecutivo italiano.

Lo scorso 4 ottobre, invece, un portavoce di Lufthansa aveva ribadito che Alitalia, nello stato attuale, non interessa al Gruppo tedesco, ma ci sarebbero spiragli se fosse “strutturata in modo nuovo”.

Il futuro di Alitalia progettato dal governo 5Stelle-Lega, però, al momento  prevede la nascita di una newco che vedrà l’ingresso anche di Ferrovie dello Stato, e una dotazione iniziale compresa «tra 1,5 e 2 miliardi» e in cui il ministero dell’Economia manterrà una quota vicina al 15%. Quest’ultimo punto, inoltre, è tema di aspro confronto tra il ministro del Lavoro, Luigi di Maio, e il titolare del Mef, Giovanni Tria.

Intanto, partirà venerdì prossimo la procedura per la proroga della cassa integrazione straordinaria dei lavoratori. È stato convocato, infatti, un incontro alle ore 10 tra l’azienda e i sindacati nella sede del ministero del Lavoro.
La compagnia ha richiesto la prosecuzione della cigs fino al 23 marzo 2019, in continuità con l’attuale regime che scade il 31 ottobre prossimo.

La nuova cassa, che scatta dal primo novembre e copre la stagione invernale, interessa 1.570 unità “full time equivalent”, di cui 950 addetti di terra e 620 naviganti. Di questi, 100 comandanti, 100 piloti e 420 assistenti di volo.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore