Aeroporti 2030, la sfida della ripartenza tra piani e incognite

Aeroporti 2030, la sfida della ripartenza tra piani e incognite
01 Marzo 15:28 2022 Stampa questo articolo

Il sistema aeroportuale italiano guarda oltre la crisi pandemica e le tensioni della guerra; alla ricerca di un terreno comune con tutta la filiera del turismo per riattivare e far ripartire l’intero settore. È questo l’obiettivo e il senso del primo webinar online dal titolo “Gli aeroporti oltre la pandemia: Come ripartire?”, organizzato da Aeroporti 2030, l’associazione che riunisce gli scali di Roma, Venezia, Treviso, Verona e Brescia, costituita per promuovere una visione innovativa e sostenibile del comparto aereo, in collaborazione con Inrete, società specializzata in lobbying e advocacy.

Dal convegno online è emerso forte il bisogno di programmazione, utile a rendere effettiva la ripartenza dell’intero settore e a favorire la competitività del sistema aeroportuale nazionale, e di maggiore integrazione tra i pezzi della filiera. Modelli che nascono anche dalla necessità di risollevare un comparto comparto che ha sofferto molto negli ultimi due anni.

Nel 2019 gli scali nazionali hanno visto transitare 193 milioni di passeggeri; nei successivi due anni, nel pieno della pandemia, i numeri sono stati radicalmente diversi: nel 2020 il flusso passeggeri è arrivato a raggiungere un totale di 52 milioni, a fronte dei poco più di 80 milioni del 2021.

Il webinar è stato moderato da Alfonso Celotto, presidente di Aeroporti 2030, che ha dichiarato introducendolo che «questo evento, che fa parte di un ciclo di convegni che Aeroporti 2030 sta organizzando, vuole essere l’occasione per stimolare un confronto su tematiche di interesse per il comparto aereo e per avviare un confronto fra i soggetti pubblici e privati che sono interessati alla sua crescita e al suo sviluppo sostenibile. La recente ordinanza del Ministro Speranza, in vigore dal primo marzo, segna sicuramente un passaggio importante verso la normalizzazione e la ripartenza del nostro settore, soprattutto nella connettività internazionale. Dopo infatti 25 mesi dalla dichiarazione dello stato di emergenza, possiamo tornare a viaggiare per turismo da e verso numerosi Paesi prima contenuti nella Lista E, mentre i viaggiatori che provengono dall’estero non sono soggetti ad obbligo di tampone o di quarantena se forniscono prova dell’avvenuta vaccinazione. A maggior ragione oggi, che ci troviamo purtroppo ad assistere ad un terribile conflitto che genera profondo dolore e nuovi timori, gettando nuovamente un manto di incertezza sul futuro, dobbiamo lavorare insieme per sostenere il comparto aereo».

Il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, che non è potuto intervenire a causa della concomitanza con il Consiglio dei ministri convocato d’urgenza per trattare la crisi in Ucraina, ha inviato un indirizzo di saluto, evidenziando che la stringente attualità del conflitto rischia di avere forti ripercussioni anche sul settore turistico, già duramente provato dalla crisi pandemica. In tale contesto di rinnovata incertezza e di grave preoccupazione, il Ministro ha comunque ribadito l’impegno del Governo a sostenere l’intero comparto.

Pierluigi Di Palma, presidente Enac, ha confermato l’impegno, sia a livello nazionale che internazionale, ad accelerare la ripresa del settore del trasporto aereo, parte essenziale della filiera del turismo, favorendo la ripartenza dell’aviazione civile e la ripresa delle sue imprese anche a tutela dei lavoratori: «Il rafforzamento dell’attività regolatoria da parte di Enac va di pari passo con un impegno volto a semplificare i procedimenti ed a velocizzare le istruttorie, rafforzando l’efficacia dell’azione amministrativa a favore dei soggetti che operano nel settore e a beneficio della qualità dei servizi e della tutela dei diritti dei passeggeri. In questo percorso si colloca da ultimo la decisione di Enac di erogare, superando difficoltà burocratiche, un anticipo dei ristori per danni da Covid-19 patiti dalle imprese aeroportuali, tra le più colpite dalla crisi scaturita dall’emergenza sanitaria».

Monica Scarpa, ad del Gruppo Save, che gestisce gli scali del Polo aeroportuale del Nord Est, ha sottolineato l’importanza della collaborazione per la ripresa: «Oggi stiamo assistendo a un progressivo miglioramento della situazione determinato dalla diffusione della vaccinazione, per questo riteniamo che l’accento del nostro agire, come operatori aeroportuali e turistici, si debba sostenere sul concetto di sistema. Per il turismo e la sua ripresa significa “lavorare insieme”, trasversalmente, gli aeroporti con le compagnie aeree ma non solo, con le istituzioni a tutti i livelli, locale, regionale e nazionale».

L’occasione delle prossime Olimpiadi invernali a Milano e Cortina non deve essere sprecata, secondo Scarpa: «il Veneto avrà l’occasione per rappresentare in questo senso un modello, concentrandosi sulla riuscita dei Giochi, nel contempo coordinandosi come sistema per alimentare e gestire nuovi flussi turistici. Come Gruppo Save, nel costituire il Polo aeroportuale del Nord Est, comprensivo degli aeroporti di Venezia, Treviso, Verona e Brescia, stiamo portando avanti con Rfi il progetto di collegamento dell’aeroporto di Venezia con la rete ferroviaria, che sarà pronto proprio per le Olimpiadi 2026».

Il webinar ha poi ospitato anche gli interventi di Giacomo Trovato, country manager italy and south-east europe di Airbnb, e dell’amministratore delegato di Ita Airways, Fabio Lazzerini. «La pandemia ha avuto un impatto fortissimo sui settori del turismo e dei trasporti. Per quanto riguarda la ripresa dei flussi, soprattutto internazionali, la normalità è ancora lontana, ma l’avvicinarsi della stagione estiva e il graduale dissolversi delle restrizioni che la pandemia ci lasciano ottimisti – ha detto Trovato – Sono inoltre convinto che le nuove tendenze dell’abitare e del viaggiare – penso in particolare ai soggiorni a lungo termine – siano destinate a influenzare il mercato negli anni a venire, e che costituiscano una preziosa opportunità per l’Italia. È importante muoversi come sistema paese per non restare indietro rispetto alle altre destinazioni europee che stanno già varando iniziative per attrarre smart worker e nomadi digitali».

L’ad di Ita Airways, invece, partendo dal risultato di alcuni recenti studi che hanno rilevato una propensione positiva a ritornare, nel 2022, alle abitudini di viaggio pre-pandemia o in alcuni casi ad aumentare il numero di viaggi, ha salutato con favore l’allentamento delle restrizioni deciso nei giorni scorsi sia a livello comunitario che nazionale. «Le performance registrate dalla compagnia nei suoi primi 4 mesi di operatività sono state positive e sono culminate con il risultato di prima compagnia in Europa per puntualità (96,1% di voli atterrati in orario) e prima al mondo per regolarità (99,6% di voli operati) a gennaio 2022. Anche guardando in una prospettiva futura intendiamo mantenere questi standard e migliorare costantemente le performance della nostra compagnia. Siamo convinti che sia fondamentale sviluppare un nuovo turismo sostenibile e di qualità, in collaborazione con la filiera turistica italiana, per il rilancio economico del comparto e del Paese», ha concluso Lazzerini.

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore. Specializzato in trasporto aereo, network di agenzie di viaggi, tecnologia, estero, economia e fiere internazionali.

Guarda altri articoli