Aeroflot adotta il sistema Sita per tracciare i bagagli

Aeroflot adotta il sistema Sita per tracciare i bagagli
28 dicembre 12:31 2017 Stampa questo articolo

La tecnologia Sita per la tracciatura dei bagagli sale su Aeroflot: con il sistema di tracking BagJourney, infatti, il vettore sarà in grado di seguire le valigie lungo tutte le fasi del viaggio, fornendo informazioni costanti e in tempo reale sulla loro posizione.

Aeroflot che in Italia opera su Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Venezia, diventa così la prima compagnia aerea russa in grado di tracciare ciascun bagaglio dal check in all’imbarco in stiva, al trasferimento sull’aeroplano in caso di scalo fino all’arrivo alla destinazione finale. Utilizzato da più di 400 aeroporti e da 500 compagnie aeree di tutto il mondo, BagJourney fornisce indicazioni precise sul luogo dove si trovano i bagagli, e, grazie a dati completi, aggiornati e distribuiti in tempo reale, il personale di Aeroflot è in grado di tenere costantemente informati i clienti sullo stato del loro bagaglio e, in caso di qualsiasi disguido, individuarne velocemente la posizione, restituendolo al proprietario.

Secondo i risultati dell’ultimo Baggage report di Sita, nel mondo nel 2016 sono stati riconsegnati in ritardo, danneggiati, smarriti o rubati 5,73 bagagli ogni mille viaggiatori. Il dato migliora del 12,2% il risultato record del 2015, quando i bagagli disguidati furono 6,5 ogni mille passeggeri. Il risultato è ancora più significativo se si considera che nel 2016 hanno volato 3,77 miliardi di passeggeri, il dato più alto di sempre che, secondo Iata, è destinato a crescere ancora durante l’anno in corso, superando a fine 2017 i 4 miliardi.

Negli ultimi 10 anni grazie agli investimenti in tecnologia e all’ottimizzazione dei processi da parte di compagnie aeree e aeroporti in tutto il mondo, il loro numero è diminuito del 70%. Un risultato destinato a migliorare ulteriormente nei prossimi 18 mesi: entro giugno 2018 le aerolinee aderenti a Iata dovranno adeguarsi a quanto previsto dalla cosiddetta Risoluzione 753, che impone che tutti i bagagli siano costantemente tracciati dall’inizio alla fine del viaggio.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore