Abusivismo, raffica di denunce da Fiavet Calabria

Abusivismo, raffica di denunce da Fiavet Calabria
17 dicembre 11:59 2018 Stampa questo articolo

Prosegue la lotta all’abusivismo da parte di Fiavet Calabria, che rilancia il proprio appello affinché il fenomeno venga debellato per mantenere sempre elevata la qualità del turismo, con un occhio di riguardo a chi, come le agenzie di viaggi, operano nella legalità.

«Non vogliamo fare i controllori – dichiara Giuseppe Giovanni Zampino, presidente dell’associazione – Non è nostro compito e non ci compete, ma stiamo presentando ai Comuni, agli organi preposti ai controlli, e in alcuni casi anche alla Procura della Repubblica e alla Guardia di Finanza, innumerevoli denunce di soggetti che organizzano viaggi abusivamente, sprovvisti della relativa autorizzazione».

“A essere particolarmente grave – evidenzia Fiavet Calabria in una nota – è la presenza tra i tanti soggetti abusivi di istituzioni pubbliche. Basti pensare alle gite scolastiche, che molto spesso vengono organizzate dagli istituti o dai singoli professori senza appoggiarsi a un’adv che opera nella regolarità. Un viaggio abusivo lascia i consumatori privi di qualunque tutela, come ad esempio la copertura assicurativa”.

La legge regionale in materia, infatti, stabilisce che gli enti, le associazioni, i sodalizi e i comitati formalmente costituiti aventi finalità politiche, culturali, religiose, sportive, sociali e ambientali “possono occasionalmente effettuare, senza scopo di lucro ed esclusivamente a favore dei propri associati, gite di durata non superiore a un giorno. Ciascuna gita è effettuata previa stipulazione di una polizza assicurativa per un massimale minimo di due milioni di euro. Bene, la realtà sotto gli occhi di tutti dimostra tutt’altro”, chiude l’associazione calabrese.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore