Abusivi a Roma: la denuncia di Fitopac

by Redazione | 16 Gennaio 2017 17:15

La Fitopac, federazione italiana dei t.o. d’arte e cultura, scende in campo contro l’abusivismo dilagante tra gli operatori turistici itineranti e lancia una denuncia nel corso di un incontro con la Giunta capitolina. «Da tempo – spiega Stefano Donghi, presidente della federazione – ci stiamo battendo per contrastare il fenomeno dell’illegalità che dilaga a Roma in questo specifico settore turistico e abbiamo più volte sollecitato le autorità competenti presentando le nostre istanze». Attualmente la Fitopac raccoglie oltre 50 agenzie associate nel solo comune di Roma.

«Ad oggi, solo nella Capitale – aggiunge Donghi – sono circa 2mila i promotori turistici itineranti che lavorano per una ottantina di agenzie ricettiviste con regolare licenza. Ci sono anche in questo settore gli abusivi, ma non si può fare di tutta l’erba un fascio. Per questo vogliamo regole che colmino il vulnus legislativo che li penalizza e restituiscano dignità a chi lavora nel rispetto della legge. A tal proposito abbiamo presentato le nostre istanze al tavolo della commissione capitolina Turismo presieduta da Carola Penna (M5S) per sollecitare l’approvazione di un regolamento che possa finalmente fare chiarezza sulla questione. È stato lo stesso Tar a chiedere agli organi competenti che fossero inquadrate queste specifiche figure professionali e l’assessore allo Sviluppo Economico, Turismo e Lavoro, Adriano Meloni, ci ha promesso il suo impegno in tal senso».

Fra le richieste presentate alla commissione capitolina dalla Fitopac, anche al fine di scoraggiare l’abusivismo, ci sono un badge per i promotori itineranti di arte e cultura da esibire ai vigili e ai turisti, e corsi di formazione dell’ente bilaterale per il Turismo del Lazio.

Source URL: https://www.lagenziadiviaggi.it/abusivi-a-roma-la-denuncia-di-fitopac/