Confcommercio, parte l’operazione Sentinelle del mare

Confcommercio, parte l’operazione Sentinelle del mare
17 maggio 07:00 2018 Stampa questo articolo

Presentato a Roma presso la sede della Confcommercio il progetto Sentinelle del Mare, realizzato insieme all’università Alma Mater Studiorum di Bologna per la salvaguardia dell’ambiente attraverso il monitoraggio della biodiversità marina. Il progetto prevede che i turisti, gli operatori e i residenti di nove località balneari italiane saranno coinvolti per avvistare e schedare specie marine facilmente riconoscibili con la compilazione di apposite schede di rilevazione che saranno poi inviate al dipartimento di Biologia dell’università di Bologna.

Per svolgere questa attività di ricognizione verranno organizzati incontri con un programma di intrattenimento in alberghi, campeggi, porti turistici, stabilimenti balneari e ristoranti.

Il progetto delle Sentinelle del mare, seguito da tempo da Alberto Corti, responsabile turismo di Confcommercio, si svolgerà nel corso della stagione estiva lungo le spiagge di Imperia (Ventimiglia, Santo Stefano), di La Spezia (Monterosso, Cinque Terre), Grosseto (Argentario, Isola del Giglio, Giannutri e Talamone), e ancora a Porto San Giorgio nelle Marche, a Palermo nella spiaggia di Mondello, all’isola di Santo Stefano in Sardegna, al lido di Roma e di Latina e in altre spiagge delle province di Taranto e Chieti.

Per il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli: «Con questa operazione si compie un importante momento di aggregazione tra cittadini, turisti-ospiti e imprese all’insegna del turismo responsabile e sostenibile, sempre più cruciale per un sano sviluppo del comparto. Un’operazione di grande sensibilità per la tutela del turismo del mare che vale oltre il 30% del nostro settore e conta migliaia di imprese lungo gli 8mila km di costa che può vantare il nostro paese».

Anche Luca Patanè, presidente Confturismo, ha elogiato «la costruttività di un progetto orientato al concetto di turismo sostenibile che può aggregare visitatori e operatori in una strategia condivisa di tutela del bene-mare».

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli