webinar Gastaldi Enjoy Australia Selfdrive del 26 gennaio
Mitt la fiera del Turismo n.1 in Russia
Giornale del 03 Novembre 2016 - Speciale Viaggi di Nozze - sfoglia il giornale

E ora la luna di miele si allunga

Speciale Viaggi di nozze

03-11-2016 NUMERO: 31

Invia
Si dice “luna di miele” anche in francese, spagnolo e inglese, persino in arabo, perché l’origine è la medesima. La luna indica il primo mese di nozze, che nell’antica tradizione del Nord gli sposi trascorrevano da soli, sorseggiando idromele. La dolcezza della bevanda a base di miele si accoppiava alla fertilità nell’antica Roma. E se nel Medioevo la sposa portava con sé del miele, simbolo di ricchezza, perché costoso, dall’800 la luna di miele diventa un fenomeno di massa.  Anno 2016. La luna di miele si allunga, passa da due a tre settimane, complice la lista nozze in agenzia. A dirlo sono le stesse adv, che confermano anche la tendenza al viaggio combinato. Pochi low cost, perché il viaggio di nozze deve essere memorabile; così come è poco richiesta la crociera, che tanto si fa anche dopo sposati.

Il mercato è fermo sulle stesse mete per Luigi Bilancio, titolare di A Beautiful Mind a Grumo Nevano (Napoli): in testa Usa e Caraibi, poi Thailandia, Sudafrica, Oceano Indiano. Solo otto coppie su 60 hanno scelto Australia+Fiji o Polinesia, viaggi da 12-15mila euro per persona. Permanenza media di 12-15giorni, soprattutto ad agosto, in viaggio combinato: «I clienti non si accontentano più di una sola destinazione. E visto che i charter sono in calo, per oltre il 60% della domanda facciamo tutto con volato di linea e scalo: N.Y. o Miami o Los Angeles per i Caraibi, a Dubai per Maldive, Mauritius o Seychelles, Bangkok per Koh Samui o Phuket». In ribasso anche il guadagno: «C’è una svendita dei viaggi di nozze – continua – i clienti vengono da noi per un preventivo,  poi girano per altre agenzie. In Campania c’è molta concorrenza sleale». Da un anno ha aderito a Twizz per i matrimoni gay: «Ma, nonostante la bandierina esposta, ancora nessuno in zona ha osato entrare in agenzia».

Più disinvolti a Parma, come riferisce Emanuela Bozzi, titolare di 7 Stelle Viaggi e Turismo: «Sono clienti non facili, un mercato molto esigente e preparato, con noi vanno generalmente in Australia, soprattutto d’estate. Tutto su misura, anche tour Scozia+Seychelles». Le pratiche 2016 sono diminuite, però hanno già viaggi per luglio-agosto 2017. Gli Usa e il Canada ci sono sempre, in abbinamento perfetto con Bermuda. Se l’anno scorso hanno proposto la Nuova Zelanda a dicembre, oggi di nuovo c’è l’interesse per la Thailandia e l’allungamento della durata a 3 settimane. Consigliano il servizio di wedding planner, un pacchetto completo di location, catering, vestito, fiori, parrucchiere. Hanno anche organizzato un matrimonio in città per una coppia di N.Y., con voli e soggiorno per 70 parenti e viaggio di nozze in Sardegna. «Ma per gli italiani è difficile: ci scontriamo con l’idea che così il matrimonio costi di più, invece è uguale».

«Rispetto agli anni passati c’è richiesta anticipata di un anno, prima era di 2-3 mesi. Abbiamo già conferme per il 2017», afferma Laura Dalla Favera di Rigal Viaggi a Schio (Vicenza). La scelta cade sul combinato, itinerante e più dinamico, anche di 3 settimane in agosto. «Il fuori stagione è per pochi – dice – Una coppia parte a novembre per Polinesia+Parigi. Le mete sono quelle classiche: Usa o Canada con Caraibi, quasi mai in crociera». Lei insiste sul Sudafrica, «perfetta per chi è carico di energia». O sul Giappone, «che si ama per i manga o la cucina, e si può abbinare al mare nelle isole a sud o in Nuova Caledonia, dove un concorso per sposi si sta rivelando un ottimo richiamo per l’agenzia».


Richiesta diversificata a Biella. Ce ne parla Michela Marcone, titolare di A Spasso Con: «A parte due Mauritius, hanno scelto crociere o settimane nel Mediterraneo, tour del Portogallo, Oriente. Anche viaggi importanti, come Australia+Fiji o Usa e Polinesia, con budget più alti, ancorati alla lista di nozze. La maggior parte però sono viaggi tra i 2 e i 4mila euro a persona, per due settimane, in estate. Molto richiesta la Thailandia, in grande spolvero negli ultimi 3 anni grazie anche al prezzo molto competitivo.


Tra le mete emergenti c'è lo Sri Lanka

Naturalmente Usa e Caraibi, Polinesia o Hawaii. E, sorpresa, novità 2016 lo Sri Lanka, con tour e estensione mare alle Maldive. «La destinazione è di nuovo richiesta», dice Letizia Salvemini, titolare di Sulawesi Viaggi e Turismo a Borgo a Buggiano (Pistoia). Si affaccia anche l’Oman, in combinato con l’Oceano Indiano, «ma è ancora difficile da vendere».
Gli adv sono soddisfatti perché il mercato è stabile, con parecchie richieste, e numeri in crescita. Quest’anno la richiesta media è di 3 settimane e comunque il viaggio è assolutamente combinato, con volato di linea preferito al charter che ha permanenze secche, 7 o 14 giorni. «Per il viaggio di nozze è importante la consulenza, i clienti non hanno grandi idee – continua – Ora cominciano a pensare di osare fuori stagione: quest’anno hanno viaggiato anche a settembre e ottobre, altrimenti sempre tra maggio e l’estate. C’è curiosità per matrimoni in loco: «Piace l’idea, ma poi non lo fanno»


Sempre e solo Usa e Caraibi

«Due anni fa l’Australia, l’anno scorso il Giappone. Quest’anno sempre e solo Stati Uniti e Caraibi. Soprattutto California: il sunshine state domina incontrastato, abbinato ad Hawaii o Messico, o anche a New York e Cuba, ormai super richiesta». A dirlo è Enrica Ciri, titolare di Tourist Trophy Viaggi a Foligno (Perugia). L’adv propone viaggi tradizionali personalizzati. Un prodotto medio-alto, supportato dalla lista nozze, anche nell’opzione 3 settimane.

Adriana De Santis

Mitt la fiera del Turismo n.1 in Russia

Ultimi articoli in Speciale Viaggi di nozze


Un sì e due lune di miele

16 Ottobre 2014

Romantica è la crociera

16 Ottobre 2014

Hotelplan

03 Aprile 2014