Originaltour: i tuoi viaggi TOP QUALITY
Voli per l'Albania, commissioni di vendita fino all'8%
Giornale del 15 Gennaio 2013

Il Piano strategico, costato 35mila euro, presto al CDM

ITALIA

15-01-2013 NUMERO: Giornale Online

Invia
Piero Gnudi 2012 intQuestione di giorni (forse già questa settimana) per l’approvazione del tanto atteso Piano Strategico per il Turismo che il ministro del Turismo, Piero Gnudi, ha fortemente voluto affidando alla Boston Consulting la stesura del documento che entro fine gennaio approderà al Consiglio dei Ministri.

 

Tra i punti-chiave del documento, passato al vaglio delle Regioni, delle Commissioni parlamentari e delle imprese private, la rifoma dell’agenzia Enit con la trasformazione in S.p.A., il portale italia.it tutto orientato alla commercializzazione, rottamazione degli alberghi vecchi e piccoli, con incentivi ad hoc, armonizzazione della tassa di soggiorno che diventerà una tassa di scopo turistico da applicare in tutta Italia. Lo stesso Gnudi ha inoltre ribadito alle agenzie di stampa che la spesa sostenuta per la consulenza della Boston Consulting è stata assai contenuta: 35mila euro, per un lavoro durato circa sei mesi e che ha impegnato almeno 25 persone.

 

Il Piano si compone di sette linee di intervento con circa 50 azioni individuate nei vari àmbiti, tra i quali la ristorazione turistica, la formazione d’eccellenza, l’allestimento di prodotti d’offerta turistica doc, basati sulle tipicità dei vari territori regionali, e con una previsione di circa 500mila nuovi posti di lavoro per un contributo complessivo, entro il 2020, di 30 miliardi di euro al Pil nazionale.



Il nuovo ruolo dell’Enit
La maggiore sottolineatura manifestata dagli autori del Piano è comunque tutta rivolta all’Enit, che deve diventare entro pochi mesi una vera e propria “fabbrica di prodotti turistici” molto più orientata alla commercializzazione che alla promozione, con uno sguardo anche al mercato interno, quella strategia sul traffico turistico domestico che molti operatori e associazioni di categoria (primi fra tutti i vertici del Gruppo Alpitour e Bernabò Bocca) auspicavano da tempo.

 

Con queste ultime indiscrezioni si placano le polemiche circa la tempestività del Piano e il suo costo reale in termini di consulenze. Il quotidiano ItaliaOggi aveva infatti puntato il dito sui numerosi gettoni elargiti dal ministro Gnudi (oltre 150mila euro) e in generale dal Governo Monti (2,5 milioni di euro in consulenze avviate in vari ministeri). Nel dettaglio, secondo quanto scovato da ItaliaOggi, Gnudi ha approvato un compenso di 60.750 euro da versare a Ivo Virgili per un incarico con scadenza nel 2013 e altri 54 mila euro, questa volta per un incarico fino al marzo 2013, per Giovanni Antelmi.
www.governo.it

Andrea Lovelock

Anticipare il tuo volo con la tariffa OPTIMA, Possible by Vueling

Ultimi articoli in ITALIA