La nuova vita di Best Tours
tra hotel di proprietà e servizi online

La nuova vita di Best Tours <br>tra hotel di proprietà e servizi online
12 ottobre 16:00 2017 Stampa questo articolo

C’era una volta Best Tours di Alessandro Rosso. Poi arrivò la romana Arkus Network, con la sua compagine di investitori, che ne acquisì il 100%, debiti compresi. La storia è nota, si dirà. Lo sono meno i progetti di chi è oggi alla guida del t.o. milanese: Federico Lombardi, chiamato nel ruolo di general manager dal Gruppo capitolino di cui era già direttore generale. Lo incontriamo a Ttg Incontri sgomitando tra la folla di chi ha tutto l’interesse di saperne di più sulla più rumorosa acquisizione della stagione.

Perché acquisire un t.o. indebitato?
«Best Tours è funzionale agli obiettivi del Gruppo. Abbiamo intravisto grosse potenzialità. E i debiti, che non sono così clamorosi, li ripagheremo passo dopo passo. Questo t.o. ha una squadra grandiosa ed è nostro interesse mantenerla intatta, senza sacrificare nessuna risorsa».

Chi è Arkus e qual è il suo progetto in ambito turistico?
«È un gruppo di imprenditori che si occupano soprattutto di immobili. Dall’uso residenziale si passa a quello turistico per generare profitto. Al momento uno degli investimenti più grossi riguarda il Tarquinia Golf Club, che da nove buche passerà a diciotto, intorno al quale stiamo costruendo un hotel. Un progetto gigante da 50 milioni di euro».

Ne verranno altri?
«Certamente. Abbiamo intenzione di sviluppare una serie di resort: strutture di proprietà o in affitto, sempre a gestione diretta. Per questo abbiamo arruolato un consulente strategico d’eccezione che è Bruno Colombo. Tutto sarà sotto il marchio registrato Best Resorts».

È una svolta incoming, questa?
«Assolutamente no. Tutto il prodotto outgoing di Best Tours resterà inalterato. E anzi, lo potenzieremo. Vogliamo solo ampliare il business inserendo una rete di strutture gestite e commercializzate in formula diretta in Italia, ma anche all’estero».

Cosa annunciate oggi alle agenzie di viaggi?
“Innanzitutto il lancio del nuovo portale Best Tours Net, sviluppato dalla Rsv guidata da Alessandro Scotto. Una piattaforma B2B estremamente dinamica che dal 23 ottobre rivoluzionerà la presenza online del t.o. Faccio un esempio: grazie al collegamento in real time con la Bce il cambio valuta sarà sempre aggiornato. L’agenzia avrà un servizio immediato ed efficiente accendendo, con username e password, all’area riservata su Besttours.it. Peraltro, ci tengo a ricordarlo, chi era già registrato al vecchio sistema potrà utilizzare le medesime credenziali».

Ci sono altre novità per le adv?
«Assolutamente sì. L’introduzione del prezzo finito e la cancellazione definitiva delle quote di iscrizione, che dal mio punto di vista non hanno alcun senso».

Tolte le quote d’iscrizione, come pensate di fare guadagni aggiuntivi?
«Attraverso i servizi e le ancillary. Gli hotel, le escursioni, la biglietteria. Tutto ciò di cui l’agenzia ha bisogno».

Vi trasformerete in una Olta?
«Eh no, non vogliamo essere un’agenzia. Piuttosto saremo un Oto: online tour operator».

Ma la sede fisica di Best Tours resta, e sarà a sempre a Milano, in un ufficio diverso da quello di oggi. Nel frattempo il business viaggia in Rete. E si poggia, ben solido, sui mattoni di Arkus.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli