Airbnb, partnership con il re del coworking

Airbnb, partnership con il re del coworking
15 novembre 07:00 2017 Stampa questo articolo

Sempre pronto a intercettare i trend di viaggio, Airbnb ha messo a segno un altro colpo di sicuro interesse per il mercato dei business traveller. Dopo il recente ampliamento dell’accordo di partnership con Concur, azienda di gestione delle spese e dei viaggi d’affari che mette a disposizione il suo TripLink, plugin che permette ai businessman di prenotare il viaggio e avere tutte le spese inserite automaticamente nella nota di rimborso, la piattaforma ora ha siglato anche un accordo con WeWork la società americana che mette in rete spazi di lavoro da condividere, arrivata in soli 7 anni dalla fondazione a possedere un inventario di 10 milioni di metri quadrati di uffici e una quotazione da 20 miliardi di dollari.

Nel tentativo di differenziarsi sempre di più dai competitor, Airbnb ha lanciato quindi un pass giornaliero di WeWork che dà diritto, a chi prenota un alloggio sulla sua piattaforma, di trascorrere gratuitamente una giornata in uno spazio di coworking di WeWork. Nel pass sono inclusi l’accesso a una scrivania privata, un’ora di uso della sala conferenze, servizi di stampa e altri plus come bevande illimitate e personale di assistenza in loco.

A chiarire che il business travel è un segmento che fa più che gola ad Airbnb ci pensano, infine, i numeri: solo lo scorso aprile la società ha annunciato che sono 250mila nel mondo le società che utilizzano i suoi alloggi per le trasferte di lavoro, per questo il sito di sharing economy ha lanciato Business Travel Ready, un comando che permette di affinare la ricerca per trovare l’appartamento perfetto per chi viaggia per lavoro.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore